Le precipitazioni durante l’Ottobre 2011

Il mese di Ottobre è stato caratterizzato da eventi meteorologici eccezionali, a partire dai fenomeni alluvionali in Liguria Orientale ed Alta Toscana. Nonostante in molti casi si siano verificate precipitazioni di rilievo, parecchie porzioni di territorio italiano hanno ricevuto apporti precipitativi scarsi, i quali non hanno fatto altro che prolungare situazioni idriche deficitarie.

Cio è confermato a grandi linee dalla successiva mappa, elaborata dalla NOAA (National Oceanic and Atmospheric Administration) e riferita alle percentuali precipitative verificatesi rispetto alle medie trentennali.

Partendo come di consueto dalle regioni nord-occidentali italiane, si nota immediatamente, grazie all’ausilio di alcuni dati, come in Piemonte si siano avute scarse precipitazioni, confermando il trend durevole da qualche mese. Al contrario, in Liguria le pioggie sono state notevoli, e talvolta eccezionali, con gli esiti che purtroppo conosciamo. In alcune località sono caduti 250 mm all’incirca, fra il 25 e il 26 ottobre.

 

Accumuli mensili più omogenei hanno interessato le regioni nord-orientali, con apporti precipitativi diffusamente nella media (1971-2000).

 

Al centro le differenze fra zona e zona sono state maggiormente marcate. La Lunigiana, colpita dai suddetti fenomeni alluvionali e franosi, ha riscontrato accumuli con tempi di ritorno lunghissimi: il 25 Ottobre a Pontremoli sono caduti 370 mm, 115 mm a Villafranca in Lunigiana. Fra il 25 ed il 26 Ottobre, sono stati registrati 270 mm in località Boscolungo, nei pressi dell’Abetone; 240 mm a Cardoso, in provincia di Lucca. Nubifragi hanno colpito anche altre aree, fra i quali l’hinterland romano.

 

Analoga situazione è stata riscontrata al meridione d’Italia, con differenze pluviometriche marcate fra zone differenti, anche adiacenti.

 

Un significativo surplus pluviometrico ha interessato la Sicilia, con maggiori pioggie nell’area occidentale, e su isole minori (Ustica e Pantelleria).

Nell’altra isola maggiore, la Sardegna, Ottobre è stato particolarmente siccitoso con accumuli scarsi, eccetto qualche località interessata da rovesci localizzati ed intensi.

 

* Gli accumuli contrassegnati da un asterisco si riferiscono a località della rete meteorologica AM (Aeronautica Militare).

**Gli accumuli contrassegnati da due asterischi si riferiscono a stazioni meteorologiche private o appartenenti ad altre reti di monitoraggio (a differenza di quanto scritto, le stazioni di Taranto e Pisticci rientrano in questa categoria).

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti