Newsletter Facebook Fanpage Twitter InMeteo Google Plus InMeteo Pinterest Canale Youtube FEED RSS INMETEO

Temporali dallo Ionio sulla Puglia


     


Mentre sull’Italia del Centro Nord domani ci sarà un netto miglioramento (per la gioia dei Piemontesi e dei Liguri), il maltempo resisterà ancora un po’ sul Sud Italia e in particolare sulle regioni che si affacciano sullo Ionio. Cerchiamo di capire la tipologia di fenomeni che attendono la Puglia, forse insieme al Metaponto la zona più a rischio temporali.

Pressione al Suolo e Venti a 10 m 9 Novembre 2011 Puglia

Pressione al Suolo e Venti a 10 m 9 Novembre 2011 Puglia

La situazione sinottica prevista vede un minimo di pressione sul basso Tirreno con conseguenziale convogliamento di correnti meridionali sullo Ionio che impatteranno sulla Puglia.

Nell’immagine a sinistra vediamo la pressione e la temperatura al suolo per domani sera alle ore 21 e i venti al suolo per la notte del 10 Novembre.

Balza all’occhio un dettaglio fondamentale, visibile se si clicca sulla mappa e la si ingrandisce: una piccola (relativamente, circa 50 km) linea di convergenza sullo Ionio, proprio nei pressi del Golfo di Taranto. Il fatto di essere “a destra” del minimo e di ritrovare correnti meridionali che portano aria umida colloca la penisola salentina (e non solo) in prima fila per l’arrivo del tempo perturbato. Come per Genova stanotte, la linea di convergenza è sempre pericolosa se si associa a condizioni di tempo instabile. Controlliamo se effettivamente siamo in questa situazione pericolosa.

Thompson Index e RH 850 hPa con Velocità verticali 9 Novembre 2011

Thompson Index e RH 850 hPa con Velocità verticali 9 Novembre 2011

Il Thompson index (in alto, accanto) è molto alto, sopra i 35 °C, il che è un’ottima indicazione per la collocazione dell’instabilità e della probabile formazione dei temporali. Il fatto che, inoltre, questa massa d’aria instabile sia prevista sullo Ionio è un ulteriore incentivo. A questo punto notiamo che vi sono anche velocità verticali verso l’alto sul Golfo di Taranto e che la regione intera è sotto una colonna d’aria molto umida. A questo punto ci sono tutti i presupposti per la formazione di temporali, i quali quando nascono appunto sullo Ionio si sa che possono portare anche fenomeni vorticosi (il Salento è famoso per questo, è stato scritto anche un libro).

La temperatura dello Ionio è ancora abbastanza alta (circa 20.7°C) e nella prossima settimana sembra doversi abbassare di due o tre decimi di grado. C’è ancora abbastanza energia da essere caricata e utilizzata in questa occasione.

Se cliccate sull’immagine a sinistra noterete una linea di instabilità (correnti verticali) che si allunga dal Golfo di Taranto fino alla costa barese per prolungarsi fino al Gargano. Non si escludono forti fenomeni a causa di temporali autorigeneranti sul barese, sul brindisino e sul tarantino.

Le piogge, domani, saranno già presenti nel pomeriggio ma saranno tendenzialmente deboli. Sarà dalla serata che si formeranno i fenomeni più intensi o anche semplicemente moderati. Le aree maggiormente interessate saranno:

  • provincia di Taranto,
  • Brindisino,
  • zona dei trulli,
  • barese e provincia (parte centro orientale)
  • Gargano e Tavoliere
Le precipitazioni si faranno sentire anche dopodomani (10 Novembre) ma non saranno intense come nella notte precedente.
A cura di Giancarlo Modugno

Articolo a cura di Giancarlo Modugno