Newsletter Facebook Fanpage Twitter InMeteo Google Plus InMeteo Pinterest Canale Youtube FEED RSS INMETEO

Clima Antico Egitto, forte siccità durante la costruzione delle Piramidi


     


L’analisi dei pollini e del carbone preservati nei sedimenti del delta del Nilo presentano informazioni preziose sugli incendi e i periodi di siccità avvenuti 4200 anni fa durante l’era della costruzione delle piramidi.

Le grandi piramidi egiziane e la Sfinge (Benjamin P.Horton)

Le grandi piramidi egiziane e la Sfinge (Benjamin P.Horton)

Uno studio pubblicato su Geology da Christopher Bernhardt della University of Pennsylvania spiega che l’umanità è sempre stata alla prese con i problemi legati ai cambiamenti climatici e che la sua evoluzione è legata alla variabilità climatica a tutte le scale, dai decenni ai millenni.

Cambiamenti climatici: anche in passato grosse problematiche

Lo studio paragona il cambiamento climatico avvenuto 4200 anni fa alla gravità di quello attuale: all’epoca dei costruttori delle piramidi si dovette far fronte a una siccità molto estrema, una problematica di vitale importanza per gli abitanti dell’epoca. Nell’analisi dei sedimenti è stata riscontrata una buona quantità di carbone a causa dell’alta frequenza di incendi durante il periodo di siccità, parallelamente alla diminuzione della quantità di pollini.

Tre grossi periodi di siccità nella storia dell’Egitto

Grosse diminuzioni di pollini e aumenti di carbone si sono verificati più volte tra 6000 e 3000 anni fa; l’evento più catastrofico fu quello della mega siccità di 4200 anni fa, la quale ebbe forti ripercussioni a livello sociale attraverso le carestie e probabilmente giocò un ruolo speciale nella fine dell’Antico Regno d’Egitto, influenzando anche le culture del Mediterraneo.

Schiavi in Egitto (tanogabo.it)

Schiavi in Egitto (tanogabo.it)

I record relativi ai pollini sembrano molto sensibili alla diminuzione delle precipitazioni verificata nella mega siccità di 4200 anni fa” dice Bernhardt; altri periodi siccitosi sono avvenuti 5000 e circa 3000 anni fa. Questi eventi sono stati registrati dall’uomo: infatti, la prima è avvenuta durante l’unificazione del Basso e Alto Egitto e durante il collasso del regno di Uruk nel moderno Iraq; il secondo evento, invece, è associato alla caduta del regno di Ugarit e alla carestia nei regni babilonesi e siriani.

Lo studio si intitola Nile delta response to Holocene climate variability ed è disponibile su Usgs.gov

A cura del Dr. Giancarlo ModugnoArticolo a cura di Giancarlo Modugno