Anticiclone Achim, ecco il “caldo battesimo” da Berlino

Anticiclone Achim, il caldo imperversa sull’Europa e l’Istituto Meteorologico di Berlino battezza il sistema barico ma il disagio è sempre dietro l’angolo.

Come annunciato qualche giorno fa (Allerta caldo, si chiamerà Achim il nuovo anticiclone?) ecco l’anticiclone caldo in Europa battezzato Achim. La situazione barica e satellitare viene qui di seguito analizzata mostrando le principali caratteristiche di questa ondata di caldo europea.

Ecco Achim, il nome dato all'anticiclone caldo dall'Istituto Meteorologico di Berlino

Ecco Achim, il nome dato all’anticiclone caldo dall’Istituto Meteorologico di Berlino

Achim, la rimonta africana con blocco in Europa

Situazione meteorologica, alta pressione in quota e al suolo con aria molto calda da sud

Situazione meteorologica, alta pressione in quota e al suolo con aria molto calda da sud

Come si può notare dalla mappa relativa all’analisi su base GFS per la giornata odierna 18 Agosto 2012 (fornita da www.wetterzentrale.de), l’anticiclone mostra il suo massimo sull’Europa Centro Orientale, con conseguente convogliamento di correnti più fresche sull’Adriatico ma dall’altra parte del Paese il promontorio anticiclonico in quota è segno dell’arrivo delle correnti molto calde, con picco verso Martedì 21.

Potete trovare il relativo bollettino meteorologico per l’Italia alla pagina Previsioni Meteo Italia Sabato 18 Agosto 2012, caldo e stabilità.

Si blocca la circolazione da Ovest

Questa forte rimonta, complice gli elevati valori di altezza di geopotenziale sul Mediterraneo, è capace di bloccare la perturbazione atlantica e allo stesso tempo la traiettoria della tempesta tropicale Gordon (Tempesta tropicale Gordon in movimento dall’Atlantico verso l’Europa)

Europa sgombra dalle nubi dove l'anticiclone Achim si posiziona

Europa sgombra dalle nubi dove l’anticiclone Achim si posiziona

Immagini satellitari: Italia e gran parte dell’Europa senza nubi e cielo sereno

Come potete apprezzare dalle immagini satellitari, in Italia non vi sono formazioni nuvolose se non veramente isolate. Il resto della nuvolosità in Europa è posizionata sui settori settentrionali, dove la parte divergente delle correnti meridionali apporta instabilità: questa è proprio la zona più direttamente interessata dalla struttura depressionaria bloccata in Oceano Atlantico.

La nuvolosità riprende sull’Europa più Nord-Orientale, dove i geopotenziali sono più bassi.

RGB, immagine satellitare. L'area in rosso e verde mostrano la presenza di aria molto calda

RGB, immagine satellitare Anticiclone Achim. L’area in rosso e verde mostrano la presenza di aria molto calda

RGB: ecco il caldo intravisto dal satellite

L’RGB permette sempre di identificare i diversi tipi di massa d’aria.

Nelle zone con gradazione tendente al verde possiamo trovare aria calda, proprio in corrispondenza del grande promontorio anticiclonico di cui abbiamo discusso prima.

Dove le gradazioni tendono al rosso in corrispondenza della confluenza di correnti africane (si guardi la Spagna) l’aria è per di più estremamente secca, mentre il rosso nella struttura depressionaria (a sinistra della banda nuvolosa tendente al bianco) si riferisce ad aria secca proveniente dalla stratosfera (lo strato immediatamente sopra la troposfera dove avvengono i fenomeni meteorologici).

Tutte le immagini sono disponibili nella pagina di monitoraggio “Satelliti

A cura del Dr. Giancarlo Modugno


Articolo di Giancarlo Modugno

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile: forte maltempo domani, temporali e vento forte

Tempesta di vento in Svizzera: uccisa dalla caduta di un albero una donna

Dissesto idrogeologico: sempre più fragile il territorio della Bergamasca

Ultimissime della sera: nuova ondata di FREDDO pronta a colpire la nostra penisola, poi…
Prima la pioggia, poi un CALO TERMICO in attesa di un Natale ancora INCERTO

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti