Antartide Baia Terra Nova – Riapre la base italiana Mario Zucchelli

Antartide Baia Terra Nova – Il 15 Ottobre 2012 c’è stata la riapertura della base italiana Mario Zucchelli in Antartide. Ecco le news.

Antartide Baia Terra Nova. Lo scorso Lunedi (15 ottobre 2012) abbiamo assistito alla riapertura della base italiana Mario Zucchelli con cui prende avvio la 28^ campagna antartica estiva, stagione 2012-2013 con l’inizio dell’ Estate Australe. L’evento è promosso  nell’ambito del Pnra (Programma nazionale di ricerche in Antartide) e finanziata dal Miur (Ministero per l’Istruzione, la ricerca e l’università) grazie ad un sovvenzinamento di circa 22 milioni di euro. Per la campagna antartica assisteremo all’impiego di uno staff tecnico-scientifico di tutto rispetto appartenente all’Ufficio di Christchurch (NZ) gestito dall’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e al CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) che svolge le attività di programmazione e coordinamento scientifico delle attività di ricerca, tese a comprendere meglio i processi che generano i cambiamenti globali.

Antartide Baia Terra Nova

Antartide Baia Terra Nova – Il 15 Ottobre 2012 c’è stata la riapertura della base italiana Mario Zucchelli in Antartide.

Le attività scientifiche avranno inizio solo con l’arrivo del primo gruppo di ricercatori alla base Mario Zucchelli, detta anche Mario Zucchelli Station (Mzs), che è previsto per il 26 ottobre.
In questi giorni invece bisognerà concentrarsi sulla costruzione di una pista adeguata sul ghiaccio marino per l’atterraggio dell’aereo Hercules previsti dal 23 ottobre.

La Commissione Scientifica Nazionale per l’Antartide (CSNA) propone al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) la definizione degli obiettivi e delle linee strategiche; mentre il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) si occupa della programmazione della ricerca e del coordinamento scientifico.
Gli obiettivi prefissati per questa campagna antartica estiva 2012-2013 permetteranno di comprendere meglio i processi che generano i cambiamenti globali, i cui effetti interessano ogni punto del globo, anche alle nostre latitudini.

Ecco in cosa consisterà il progetto dello staff scientifico in Antartide :

– Le scienze della vita : biodiversità, evoluzione ed adattamento degli organismi antartici;
– Le scienze della Terra: glaciologia, contaminazioni ambientali, esplorazioni;
– Le scienze dell’atmosfera e dello spazio: cambiamenti climatici, monitoraggio della atmosfera e della ionosfera, misure astronomiche;
– Sviluppo e applicazione di strumentazioni tecnologicamente avanzate per misure atmosferiche e geologiche;
– Attività di monitoraggio presso gli Osservatori permanenti meteo-climatici, astronomici e geofisici.

Segui InMeteo su Facebook.


Articolo di Raffaele Laricchia


Ultime notizie Leggi tutte


IRAN | Nuova forte scossa di terremoto vicino a molti centri abitati – dati USGS

Terremoto Sicilia : scossa moderata nel messinese ben avvertita – dati INGV

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, Mercoledì 13 Dicembre

Ultimissime: rinforzo anticiclonico, ma l’Italia ancora coinvolta da fredde correnti settentrionali
Un po’ di alta pressione all’inizio della terza decade ma non per tutti

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti