Newsletter Facebook Fanpage Twitter InMeteo Google Plus InMeteo Pinterest Canale Youtube FEED RSS INMETEO

ALLERTA METEO PROTEZIONE CIVILE 11 Novembre 2012: le previsioni meteo


     


ALLERTA METEO PROTEZIONE CIVILE 11 Novembre 2012: le previsioni meteo e il bollettino per la giornata di domani

ALLERTA METEO PROTEZIONE CIVILE 11 Novembre 2012La protezione civile ha diramato lo stato di allerta per la giornata di domani, Domenica 11 Novembre 2012, quando sono previste forti precipitazioni e temporali in molte regioni centro-settentrionali. Di seguito riportiamo il bollettino del sito Protezione Civile. Per le previsioni meteo dettagliate invece andare qui: Meteo Italia.

ALLERTA METEO PROTEZIONE CIVILE 11 Novembre 2012

ALLERTA METEO PROTEZIONE CIVILE 11 Novembre 2012

ALLERTA METEO PROTEZIONE CIVILE 11 Novembre 2012 – Massima attenzione su LIGURIA, FRIULI, VENETO, TOSCANA, UMBRIA, LAZIO

Precipitazioni:
- diffuse e persistenti, anche a carattere di rovescio o temporale, su Friuli Venezia Giulia, settori montuosi del Veneto, Trentino, Liguria di levante, Emilia-Romagna occidentale, Toscana, Umbria e Lazio centro-settentrionale, con quantitativi cumulati da moderati ad elevati, localmente molto elevati sul Friuli Venezia Giulia;
- da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su resto Liguria, Lombardia, Alto Adige, resto di Veneto, Emilia-Romagna e Lazio, e su Marche occidentali e Sardegna, con quantitativi cumulati moderati;
- da isolate a sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, su resto del nord, resto Marche, settori occidentali di Abruzzo e Molise e Campania settentrionale, con quantitativi cumulati da deboli a puntualmente moderati.
Nevicate: al di sopra dei 1800-2000 m sui settori alpini centro-occidentali e dei 2000-2300 m su quelli del Triveneto, con apporti al suolo da moderati a localmente elevati.
Visibilità: ridotta, anche sensibilmente, sulle aree soggette alle precipitazioni più intense.
Temperature: in generale sensibile rialzo nei valori minimi.
Venti: forti sud-orientali con raffiche di burrasca sui settori tirrenici centrali, sulla Sicilia e sui settori adriatici e ionici della Penisola; forti meridionali o sud-occidentali, con raffiche di burrasca, lungo i settori appenninici centro-meridionali; localmente forti meridionali sui settori tirrenici meridionali e sulla Liguria, su quest’ultima tenderanno a ruotare dai quadranti settentrionali; forti raffiche durante le manifestazioni temporalesche.
Mari: da molto mossi ad agitati il Tirreno centro-meridionale, lo Stretto di Sicilia e l’Adriatico; molto mossi il Tirreno settentrionale, il Canale di Sardegna e lo Ionio settentrionale.


Articolo a cura di Francesco Ladisa