Previsioni meteo metà mese: peggioramento invernale

Previsioni meteo metà mese, peggioramento invernale. Artico ed Atlantico si contenderanno il Mediterraneo dopo la fine del dominio anticiclonico.

Previsioni meteo metà mese, peggioramento invernale: L’Inverno, che in questa prima settimana dell’anno sembra aver smarrito la propria identità, si prenderà a breve la sua rivincita sullo scacchiere europeo; anche l’Italia sarà coinvolta dalla svolta circolatoria che porrà fine allo strapotere anticiclonico. Tra l’altro alcune aree dell’Europa centro-occidentale che finora avevano beneficiato di una strana Primavera, entro una settimana potrebbero trovarsi catapultate in pieno Inverno con freddo e nevicate fino al piano.

Come sempre capita, un po’ per la difficoltà intrinseca dovute alle incertezze che riguardano il lungo termine, un po’ per la complessa orografia della Penisola e delle aree mediterranee restano ancora delle incognite su dove colpirà di più l’irruzione artica, con quale intensità e dove si ubicheranno i principali centri barici. A complicare le cose ci si metteranno anche le depressioni atlantiche che con il declino dell’alta pressione tenteranno anche esse di conquistare il Mediterraneo, interagendo con i nuclei artici continentali.

Partendo dal contesto attuale, è assodato che l’alta pressione resisterà ancora 48 ore, assicurando stabilità ma anche nebbie e nubi basse specie nelle vallate, nelle pianure e lungo le coste del Centro-Nord. Successivamente interverrà una graduale modifica delle condizioni meteo che vedrà un calo dei geopotenziali su Europa e Mediterraneo Occidentale. L’Hp azzorriana si ritirerà molto a Sud, mentre in Scandinavia si svilupperà un’ altra area di alta pressione al suolo. A questo punto vortici gelidi continentali dalla Russia e depressioni Nord Atlantiche avanzeranno sull’Europa, causando un peggioramento le cui conseguenze sull’Italia sono ancora da valutare.

Sulla nostra Penisola, un primo peggioramento si verificherà Giovedì 10 Gennaio 2013 ed un altro più corposo Domenica 13 Gennaio. In quest’ultimo caso si tratterà di un guasto dalle caratteristiche invernali con il maltempo che tenderà a perdurare per gran parte della terza settimana di Gennaio. La principale incognita è costituita dalla traiettoria della colata artica; ad oggi i modelli vedono un più diretto coinvolgimento dell‘Europa Centrale e poi di Francia, Regno Unito e Penisola Iberica con l’aria fredda che entrerebbe poi sul Mediterraneo dalla Valle del Rodano o anche più ad Ovest generando un minimo tra Corsica, Golfo del Leone e Baleari. Con questo scenario il Nord sarebbe interessato da precipitazioni nevose fino al piano specie al Nord-Ovest; il Centro-Sud sarebbe invece interessato dalla risposta mite coadiuvata dai venti di Scirocco e Libeccio. Ne scaturirebbe una fase di maltempo con piogge copiose specie per i versanti tirrenici ed una fase termica più nelle medie del periodo ma non sufficiente per causare nevicate a quote molto basse. L’evoluzione intorno alla metà del mese o subito dopo vedrebbe l’aria fredda entrare sul Mediterraneo centrale con maggior convinzione con un calo della quota neve anche al Centro-Sud. Per il momento vista la distanza temporale e le tante variabili in gioco non è possibile dare maggiori dettagli. Vi terremo aggiornati sull’evoluzione.

Previsioni meteo metà mese: peggioramento invernale

Previsioni meteo metà mese: peggioramento invernale. Fonte: meteociel.fr


Articolo a cura di Emiliano Sassolini

Ultime notizie (Leggi tutte)

  • Maltempo, alluvioni in Emilia : il Secchia fa paura a Modena – Traffico in tilt sulla A22
  • Alluvione in Emilia: strage nel modenese, morti un centinaio di animali
  • Esplosione a impianto gas Baumgarten in Austria: feriti e un morto. Interrotte forniture Italia.
  • INSTABILITA’: le news sulla nuova fase di maltempo attesa dalla seconda metà del mese
    Un GELICIDIO ‘mozzafiato’

    COMMENTS


    Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti