Latte materno: presenti oltre 700 batteri, ora si può migliorare sistema immunitario?

Latte materno: presenti oltre 700 batteri, ora forse si potrà migliorare sistema immunitario inserendoli nel latte artificiale

Latte materno / Una recente ricerca portata a termine da studiosi e dottori in Spagna ha permesso di conoscere in maniera piuttosto approfondita la composizione batteriologica del latte materno. Si è scoperto nell’esattezza che l’alimento principe dei bambini nella loro prima fase di vita, contiene oltre 700 specie di batteri, una diversità significativa che ha sorpreso gli stessi studiosi che hanno effettuato i test. Secondo quanto riportato da SINC, gli scienziati hanno utilizzato una tecnica basata sul sequenziamento massiccio del DNA al fine di identificare l’insieme dei batteri presenti nel colostro: questo insieme è stato battezzato “microbioma”, e si presenta come il complesso del patrimonio genetico, e le relative interazioni ambientali, della totalità dei microrganismi presenti in un preciso ambiente.

La dottoressa Carmen Collado, che ha guidato la ricerca, ha affermato: «Questo è uno dei primi studi a documentare tale diversità utilizzando la tecnica di pirosequenziamento su campioni di colostro da un lato, e il latte materno dall’altro: quest’ultimo viene raccolto dopo uno e sei mesi di allattamento al seno». Tra le molte specie di batteri trovati nei campioni di colostro, quelle più comuni erano: Weissella,Leuconostoc, Staphylococcus, Streptococcus e Lactococcus. Nel latte materno prodotto tra il primo e il sesto mese, sono stati osservati anche batteri tipici della cavità orale come Veillonella, Leptotrichia ePrevotella. «Non siamo ancora in grado di determinare se questi batteri colonizzino la bocca del bambino o se siano invece i batteri orali del bambino allattato al seno a penetrare nel latte materno, e quindi cambiare la sua composizione».

Latte materno

Latte materno: scoperta composizione batteriologica, importante passo per il miglioramento del sistema immunitario

La ricerca effettuata ha portato alla luce anche come viene influenzato il numero di batteri nel latte delle donne: di fatti il latte delle mamme in sovrappeso in seguito alla gravidanza ha presentato in genere un minore numero di batteri, mentre la composizione batterica era diversa tra le donne che avevano partorito per mezzo di un taglio cesareo programmato e quelle che avevano partorito in modo naturale: in questo caso, il latte delle madri sottoposte a cesareo programmato era meno ricco in batteri. Ulteriori studi verranno effettuati per conoscere meglio ed eventualmente programmare e migliorare il sistema immunitario dei bambini: si pensa che l’aggiunta di tali batteri presenti nel latte materno anche nel latte artificiale possa portare a migliorare proprio il sistema immunitario diminuendo rischi di malattie, allergie e patologie varie.


Articolo di Francesco Ladisa


Ultime notizie Leggi tutte


Alluvione in Emilia 12 dicembre 2017 : il fiume Parma esonda ed allaga Colorno – FOTO

Maltempo, alluvioni in Emilia : il Secchia fa paura a Modena – Traffico in tilt sulla A22

Alluvione in Emilia: strage nel modenese, morti un centinaio di animali

Un po’ di alta pressione all’inizio della terza decade ma non per tutti
INSTABILITA’: le news sulla nuova fase di maltempo attesa dalla seconda metà del mese

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti