SCOPERTA LA CAUSA del diabete

Scoperta la causa della malattia del diabete di tipo 2, la notizia

Scoperta la causa del diabete / Una grande scoperta è stata fatta a seguito di una ricerca approfondita sulla malattia del diabete, ovvero la proteina che ne causa l’insorgere, in particolare quella sostanza responsabile del diabete di tipo 2 : si chiama RANKL ed è in grado di “infiammare” il fegato. Si tratta di un grande passo in avanti nell’ambito della ricerca contro questa malattia che spesso porta al decesso, che potrebbe aprire le porte non soltanto ad una nuova tipologia di cura ma anche e soprattutto ad una prevenzione efficace. Il merito è di un gruppo di ricercatori italiani (Ospedale di Brunico, Università di Verona, Università Cattolica del Sacro Cuore) che ha collaborato con altri team europei.

SCOPERTA la causa del diabete

SCOPERTA la causa del diabete

 Lo studio su topi – I ricercatori sono andati a testare sugli animali da esperimento l’ipotesi che bloccando il RANKL a livello sistemico e nel fegato in topi da esperimento diabetici, si potesse riuscire a ottenere un miglioramento della sensibilità insulinica a livello del fegato e un calo della glicemia. Per verificare se elevati livelli di RANKL potessero avere un ruolo causale nel determinare il diabete, un gruppo di ricercatori tedeschi ha modificato geneticamente alcuni topi (aggiungendo o levando la proteina), confermando così che essa è effettivamente coinvolta nel metabolismo del glucosio. Ora si è in attesa naturalmente degli studi clinici sull’uomo, che avverranno probabilmente entro il prossimo anno. Si spera di avere presto riscontri concreti e positivi a seguito di questa fondamentale ricerca.


Articolo di Francesco Ladisa


Ultime notizie Leggi tutte


IRAN | Nuova forte scossa di terremoto vicino a molti centri abitati – dati USGS

Terremoto Sicilia : scossa moderata nel messinese ben avvertita – dati INGV

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, Mercoledì 13 Dicembre

Ultimissime: rinforzo anticiclonico, ma l’Italia ancora coinvolta da fredde correnti settentrionali
Un po’ di alta pressione all’inizio della terza decade ma non per tutti

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti