RECORD NEGATIVO PER LE IMPRESE: oltre 100000 aziende chiuse nel 2012

RECORD NEGATIVO PER LE IMPRESE / Secondo fonti attendibili,(dati Cerved consultati da ANSA), Il 2012 è stato un anno terribile per le imprese in Italia. I numeri, che rispondono allo stato attuale dell’economia e imprenditoria italiana, profondamente in crisi in tantissimi settori, sono allarmanti oltre che palesi: tra fallimenti (12mila), liquidazioni (90mila), procedure non fallimentari (2mila) sono state ben 104mila le aziende italiane perse.

E’ in atto una forte crescita delle nuove forme di concordato preventivo, tipologia entrata in vigore a settembre: Cerved, il gruppo specializzato nell’analisi della situazione finanziaria delle imprese, stima che nel solo quarto trimestre del 2012 siano state presentate circa 1.000 domande, soprattutto nella forma del concordato con riserva. Ecco un intervento dell’amministratore delegato del gruppo Cerved: “Il picco toccato dai fallimenti supera del 64% il valore registrato nel 2008, l’ultimo anno precedente alla crisi che stiamo vivendo: sono quindi stati superati anche i livelli precedenti al 2007, quando i tribunali potevano dichiarare fallimenti anche per aziende di dimensioni microscopiche”.

RECORD NEGATIVO PER LE IMPRESE IN ITALIA

RECORD NEGATIVO PER LE IMPRESE IN ITALIA

settori piu’ colpiti stando alle stime relative sempre all’anno appena passato, risultano essere quelli dei servizi, delle costruzioni, mentre la manifattura – pur con un numero di fallimenti che rimane a livelli critici – ha registrato un calo rispetto all’anno precedente. Dal punto di vista territoriale, le procedure sono fortemente aumentate nel Nord Ovest (+6,6%) e nel Centro (+4,7%), mentre sono rimaste ai livelli dell’anno precedente nel Sud e nelle Isole (-0,4%).


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile: forte maltempo domani, temporali e vento forte

Tempesta di vento in Svizzera: uccisa dalla caduta di un albero una donna

Dissesto idrogeologico: sempre più fragile il territorio della Bergamasca

Ultimissime della sera: nuova ondata di FREDDO pronta a colpire la nostra penisola, poi…
Prima la pioggia, poi un CALO TERMICO in attesa di un Natale ancora INCERTO

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti