Sapa Adelfia – “Bomba Ecologica” in Puglia. Veleni tossici a cielo aperto

Sapa Adelfia – Oltre 15 mila tonnellate di materiale tossico all’aria aperta nei pressi di Adelfia, in provincia di Bari. È allarme ambientale.

Sapa Adelfia/ È allarme ambientale in provincia di Bari, in Puglia, a causa di una “bomba ecologica” al limite dell’incredibile. Questa bomba ambientale prende il nome di “Sapa”, ovvero una ex-azienda che produceva concimi e fertilizzanti destinati all’agricoltura. L’azienda nel 2005 è stata chiusa e sequestrata dai carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico (NOE) perchè il materiale prodotto era risultato estremamente tossico e pericoloso.
Cosa ne è stato di tutto quel materiale tossico dopo la chiusura dell’azienda? La risposta purtoppo è sotto gli occhi (e soprattutto sotto il naso) di tutti i centri abitati presenti nei pressi dello stabilimento, in particolar modo la cittadina di Adelfia. Infatti lo stabilimento sorge a soli 3 km a sud della cittadina pugliese (sulla strada provinciale che collega Adelfia ad Acquaviva delle Fonti) e nelle giornate segnate dai venti di scirocco rilascia odori nauseabondi e anche tossici che invadono le vie cittadine.
Questi odori letteralmente disgustosi vengono generati proprio dal materiale tossico (concimi e fertilizzanti) presente all’interno della Sapa, lasciato incustodito a cielo aperto da ben 8 anni. Da allora non è stata messa in pratica nessuna bonifica del suolo, ovvero la pulizia dei terreni contaminati e delle acque sotterranee.

VIDEO – SAPA ADELFIA (BA) – STRISCIA LA NOTIZIA

Come ci mostrano “Fabio e Mingo” all’interno del servizio di Striscia la Notizia, sono presenti centinaia di sacchi di fertilizzanti aperti o stracciati, ma la vera bomba ecologica è rappresentata dalle oltre 10mila tonnellate di materiale tossico ammassate su un’area di oltre 300 metri quadrati senza alcuna protezione, totalmente a cielo aperto!
Tutto ovviamente a contatto con l’aria, con il sottosuolo (dove vi è la è presenza di falde acquifere) e con le coltivazioni di vigne e ulivi che circondano lo stabilimento.
Gli esperti hanno analizzato i prodotti delle coltivazioni presenti nei pressi dello stabilimento e i risultati hanno mostrato la presenza di metalli pesanti con una concentrazione di 8 volte superiore al limite consentito. Ecco il parere del Professor Raffaele Pannacciulli a riguardo : “Abbiamo visto i cumuli che ancora fumano e quindi tra sostanze organiche e il cloro presente si possono formare le diossine che sono tragicamente note alla popolazione. Esse finiscono nelle falde acquifere, nell’aria e nelle coltivazioni presenti attorno all’ex azienda.”

Sapa Adelfia

Sapa Adelfia – Oltre 15 mila tonnellate di materiale tossico all’aria aperta nei pressi di Adelfia, in provincia di Bari. È allarme ambientale.

Insomma, si tratta di una vera e propria bomba ecologica a cielo aperto. La speranza di tutti i cittadini, adelfiesi e non, è quella di un rapido ed efficace intervento da parte delle istituzioni, altrimenti la situazione non potrà che peggiorare.

 


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Eruzione dello Stromboli sempre più forte: lava e lapilli in mare

Meteo Protezione Civile domani: freddo sempre più intenso, previste anche nevicate

Maltempo: neve tonda nel Chianti, strade e campi si vestono di bianco

Modello europeo: freddo sull’Italia ancora per alcuni giorni, poi l’anticiclone?
NEWS DEL SABATO: rinforzo dell’alta pressione sotto Natale, ma prima….

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti