Ossido di iodio: gas responsabile della riduzione dell’ozono

Ossido di iodio – Recenti studi hanno portato alla luce un “nuovo”gas, l’ossidio di iodio,molto dannoso per l’ozono.

Ossido di iodio/ Alcuni scienziati dell’università di York e Leeds, hanno fatto un importante scoperta sulle cause della distruzione dell’ozono. In particolare hanno stabilito che l’ossido di iodio è il responsabile della riduzione dell’ozono nella bassa troposfera (in prossimità degli oceani). Il team ha scoperto che l’ossido di iodio deriva principalmente dall’emissione dell’acido ipoiodoso, insieme ad un contributo da parte dello iodio molecolare. La presenza dello iodio in atmosfera è legata all’emissione di composti organici del phytoplankton . Questa nuova ricerca si basa su un precedente studio, che ha dimostrato che lo iodio reattivo in atmosfera è il responsabile della distruzione di una grande quantità di ozono che si trova nella bassa atmosfera.  Gli scienziati hanno quantificato le emissioni gassose di iodio inorganico, seguendo la reazione dell’ossido di iodio con l’ozono, in una serie di esperimenti in laboratorio. Essi hanno mostrato che la reazione dello iodio con l’ozono ha portato alla formazione sia della molecola di iodio, sia dell’acido ipoiodoso. I modelli mostrano che la reazione dell’ozono con lo iodio sulla superficie del mare, potrebbe spiegare circa il 75% dei livelli di ossido di iodio osservati sull’Oceano Atlantico Tropicale. Il professor Carpenter del dipartimento di chimica di York afferma che le loro ricerche mostrano che questi gas sono prodotti dalla reazione dell’ozono atmosferico con lo iodio sulla superficie del mare.

Ossido di iodio

Ossido di iodio – Recenti studi hanno portato alla luce un “nuovo”gas, l’ossidio di iodio,molto dannoso per l’ozono. Fonte : wikipedia

 

Potrebbe interessarti: Aumenta l’acidità nell’atmosfera, quali sono le cause?

Sono disponibili le previsioni meteo e le WEBCAM della tua località/zona cercandola nell’apposito riquadro in HomePage.

Aggiornamenti anche su Facebook.

Articolo a cura di Alberto Spedicato

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti