Allergie di Primavera: i pollini di Marzo

Allergie di Primavera: i pollini di Marzo. Con Marzo gran parte della natura si risveglia, ma puntualmente arrivano le allergie: le principali fioriture del mese

Allergie di Primavera/ Con Marzo le giornate si allungano e le temperature crescono, inducendo il risveglio primaverile della vegetazione che coinvolge sia le piante caducifoglie che quelle sempreverdi. Naturalmente tutte le stagioni ed i mesi presentano delle fioriture, ma la Primavera è quella che vede la massima attività dei pollini.

Per quel che concerne l’attuale mese i gruppi di piante coinvolte nel processo di fioritura sono le betulaceae, le ulmacee, le corylaceae, le cupressaceae, le salicaceae e le aceraceae.

Le Betulaceae comprendono le betulle e gli ontani; la fioritura di tali piante si verifica principalmente tra fine Febbraio ed Aprile, con picco in Marzo. Tale gruppo di piante è maggiormente diffuso al Centro-Nord.

Le Corylaceae, maggiormente diffuse al Nord sulla Pianura Padana, sono costituite da Carpini, Noccioli e Carpini neri. Si tratta di un gruppo di piante la cui fioritura inizia già in pieno Inverno, a fine Gennaio, per poi perdurare fino alla metà di Aprile. Tra l’altro il polline che tali piante sprigionano è piuttosto allergenico per chi soffre di allergia ai pollini.

Le cupressaceae comprendono Cipressi, Ginepri e Tassi e Tuie. La fioritura di questi alberi si verifica tra Febbraio e Maggio. Tali piante sono diffuse su tutto il territorio nazionale, in particolare nelle aree a clima litoraneo e sublitoraneo;  l’attività di tali pollini è molto allergenica.

Le salicaceae, più presenti nelle aree umide e lacustri ed in generale nel comparto padano, hanno una fioritura che è massima tra Marzo e Maggio. Il polline di questo tipo di piante ad ogni modo non è in genere molto reattivo.

Le Ulmacee, il cui capostipite è l’olmo, raggiungono proprio in questo mese la loro massima attività e sono molto diffuse in Italia, specie al CentroNord. In genere non è molto reattivo nello scatenare reazioni allergiche.

Infine citiamo le aceracee la cui fioritura si protrae da metà Marzo fino a Maggio. Le fioriture dell’Acero Campestre e di quello di Monte, molto diffusi nelle aree appenniniche e collinari, si verificano in Primavera avanzata; viceversa quella dell’Acero Americano, pianta ornamentale molto diffusa nei viali e nei parchi cittadini, coincide con l’attuale mese. I pollini di tali alberi sono molto reattivi, ma le allergie verso questa categoria di piante non sono diffuse in Italia.

La tempistica delle fioriture indicate può variare di due-tre settimane; a parità di specie gli esemplari che si trovano in una località costiera del Centro-Sud o delle Isole presentano orientativamente un anticipo della fioritura di circa una ventina di giorni, rispetto ad un altro della medesima specie che si trova ubicato in località di media altezza o al Nord Italia, in relazione al diverso progredire della stagione al crescere della latitudine e dell’altitudine.

Ricordiamo infine che la concentrazione di pollini in atmosfera è influenzata dalle condizioni meteorologiche. Un temporale abbassa repentinamente il polline, ma il beneficio è di breve durata. Piogge moderate ma diffuse e continue per molte ore sono più efficaci nel ripulire l’aria. Tuttavia piogge copiose e temperature miti prolungano la stagione della fioritura. Un clima secco e ventoso comporta invece una notevole diffusione del polline con conseguente intensificazione delle reazioni allergiche.

Allergie di Primavera: i pollini di Marzo

Allergie di Primavera: i pollini di Marzo. Fonte:www.thethingsidtellyou.com

Come sarà il mese di Marzo? i Particolari al seguente link!

Le previsioni meteo per la Primavera 2013 clicca qui: sarà dinamica è perturbata? 


Articolo a cura di Emiliano Sassolini

Ultime notizie (Leggi tutte)

  • Alluvione in Emilia 12 dicembre 2017 : il fiume Parma esonda ed allaga Colorno – FOTO
  • Maltempo, alluvioni in Emilia : il Secchia fa paura a Modena – Traffico in tilt sulla A22
  • Alluvione in Emilia: strage nel modenese, morti un centinaio di animali
  • Un po’ di alta pressione all’inizio della terza decade ma non per tutti
    INSTABILITA’: le news sulla nuova fase di maltempo attesa dalla seconda metà del mese

    COMMENTS


    Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti