Clima e meteo CNR, news: temperature e precipitazioni di Febbraio 2013

Clima e meteo CNR, news: temperature e precipitazioni di Febbraio 2013 

Clima e meteo CNR, news: temperature e precipitazioni di Febbraio 2013

Febbraio 2013: andamento generale

Febbraio 2013, l’ultimo mese dell‘Inverno meteorologico 2012-2013, è stato caratterizzato da una forte dinamicità atmosferica, caratterizzata da frequenti intrusioni di masse d’aria artiche marittime o Nord Atlantiche. Ne è derivata una mesata più fredda delle medie relative al trentennio 1971-2000 ed anche un po’ più piovosa. In particolare sono state le Regioni centro-meridionali ed il Triveneto le aree più esposte ai passaggi perturbati, in quanto sopravvento all’arrivo di depressioni con direttrice Nord-Ovest/Sud-Est. Da segnalare come alcune aree del Triveneto e del Medio-Basso Tirreno abbiano ricevuto contributi pluviometrici localmente ben maggiori di 100 mm, a riprova di una conclusione molto piovosa della stagione invernale su tali settori peninsulari. Sempre per la stessa ragione, Nord-Ovest e Sardegna centro-meridionale hanno invece sperimentato un Febbraio molto secco. A fronte di una maggiore dinamicità atmosferica, Febbraio 2013, pur essendo stato più freddo delle medie, ha visto ancora una volta mancare sul Mediterraneo centrale le ondate di freddo di matrice artico continentali, protagoniste invece del Febbraio 2012.

Febbraio 2013: anomalie termiche

Il mese appena conclusosi è risultato essere più freddo delle medie su scala nazionale con un’anomalia negativa pari a -1,32°C rispetto alla media termica di riferimento calcolata nel trentennio 1971-2000. Dal 1800, anno in cui sono cominciate le osservazioni, Febbraio 2013 è risultato essere l’81-esimo più freddo dell’intera serie.

Le anomalie fredde hanno prevalso su tutta la Penisola, ma le aree dove le medie maggiormente si sono discostate dalle medie sono state le aree alpine, il Nord-Ovest, il Nord della Sardegna e gran parte del Medio-Alto Tirreno con scarti negativi di oltre -1,5°C, in quanto maggiormente esposte alle irruzioni fredde artico marittime o polari marittime in arrivo dal Nord Atlantico che hanno fatto il loro ingresso in modo reiterato nel Mediterraneo occidentale attraverso la Valle del Rodano, mostrandosi quindi più incisive come effetti sui settori occidentali.

Sul resto del Centro-Nord e delle Isole gli scarti dalle medie si sono attestate a circa -1°C,  mentre su Medio-Basso Adriatico, Basilicata e gran parte della Calabria l’anomalia negativa osservata è stata compresa da pochi decimi di grado a mezzo grado rispetto ai valori di riferimento del trentennio 1971-2000. Febbraio, l’ultimo mese dell’Inverno, si è mostrato quindi essere più freddo delle medie sebbene siano mancate le intense ondate di freddo di matrice artico continentale come invece verificatosi l’anno scorso.

Clima e meteo CNR, news: temperature e precipitazioni di Febbraio 2013. Anomalie termiche Febbraio 2013.

Clima e meteo CNR, news: temperature e precipitazioni di Febbraio 2013. Anomalie termiche Febbraio 2013. Fonte: isac.cnr.it

Febbraio 2013: anomalie pluviometriche

Passiamo ora ad analizzare l’aspetto pluviometrico di Febbraio. Complessivamente su scala nazionale le piogge sono state maggiori del 14% rispetto alle medie di riferimento relative al trentennio 1971-2000. Le maggiori piogge sono cadute al Centro-Sud ed al NordEst, settori meglio esposti alle correnti artico marittime in ingresso dal Rodano. Su Molise, Abruzzo, Lazio, Campania e coste dell’Alto Adriatico le piogge sono state maggiori del 50% rispetto alle medie con punte del 100% sul Golfo di Trieste. Altre aree dove è piovuto molto rispetto alle medie sono state la Calabria e la Sicilia occidentale, dove frequenti sono state le precipitazioni a carattere temporalesco. Friuli, Lazio, Campania, Toscana, Sicilia e Calabria hanno superato in alcune località i 100-120 mm, perchè ben esposte alle correnti occidentali. Sul resto del Centro-Sud hanno prevalso scarti positivi del 25% rispetto alle medie di riferimento.

Le aree del Paese dove invece si sono osservate anomalie pluviometriche negative sono state le Regioni di Nord-Ovest, il settore alpino e prealpino centrale, l’Alto Adige e la Sardegna centromeridionale. In alcune località del Piemonte occidentale e della Sardegna meridionale gli scarti negativi osservati ammontano a -75% a riprova di un periodo particolarmente secco. La causa di ciò è ascrivibile al comportamento delle perturbazioni che, facendo il loro ingresso da Nord-Ovest sul Mediterraneo centro-occidentale, hanno lasciato in ombra pluviometrica tali settori. Su scala nazionale, come invece già evidenziato, il mese di chiusura della stagione invernale si è rivelato essere più piovoso delle medie.

Clima e meteo CNR, news: temperature e precipitazioni di Febbraio 2013. Anomalie pluviometriche Febbraio 2013.

Clima e meteo CNR, news: temperature e precipitazioni di Febbraio 2013. Anomalie pluviometriche Febbraio 2013. Fonte:www.isac.cnr.it


Articolo a cura di Emiliano Sassolini

Ultime notizie (Leggi tutte)

  • Maltempo in Toscana ed Emilia Romagna: disagi sulla linea ferroviaria Bologna-Prato
  • Previsioni meteo oggi: allerta meteo, elevato rischio idrogeologico
  • Gelicidio al nord : strade congelate e incidenti. Diversi feriti nel piacentino
  • Arriverà altro MALTEMPO in settimana?
    MALTEMPO in LIGURIA: tra gelicidio, vento forte e mareggiate!

    COMMENTS


    Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti