Ghiacciai si sciolgono più velocemente nell’Arcipelago Artico canadese

Ghiacciai – Alcuni ricercatori prevedono una perdita del 20% dei ghiacciai dell’Arcipelago Artico del Canada entro la fine del secolo. Ecco le cause.

Ghiacciai/ I ghiacciai dell’Arcipelago Artico canadese si sciolgono più velocemente del previsto. Secondo una ricerca finanziata dall’Unione Europea, il 20 % dei ghiacciai delle isole canadesi potrebbero scomparire entro la fine del secolo e causare un aumento del livello del mare di 3,5 cm. I ricercatori hanno sviluppato un modello climatico per le isole a nord del Canada, che ha simulato la diminuzione e la crescita dei ghiacciai in quest’area. Il risultato più importante di questa ricerca è che il modello climatico mostra una probabile irreversibilità del processo di scioglimento dei ghiacciai. Una delle ragioni principali dell’irreversibilità sta nel fatto che lo scioglimento della neve sulla tundra e la perdita di ghiaccio marino intorno ai ghiacciai, rafforzano il riscaldamento regionale, con conseguenze significative sui ghiacciai del Canada settentrionale. La neve e il ghiaccio marino sono elementi importanti in natura, perchè riflettono la luce solare. A causa della perdita di ghiaccio marino e neve nell’arcipelago, il suolo e l’oceano assorbe più radiazione solare, aumentando la temperatura locale. I risultati della ricerca mostrano che il modello climatico prevede un aumento della temperatura in quest’area di ben 8°C, che provocherà una perdita del 20% dei ghiacciai. L’arcipelago canadese contiene una vasta quantità di ghiacciai: basti pensare che se le calotte si sciogliessero completamente, il livello del mare aumenterebbe di 20 cm!

Ghiacciai dell'Arcipelago Artico del Canada (Fonte:nature.ca)

Ghiacciai dell’Arcipelago Artico del Canada (Fonte:nature.ca)

Potrebbe interessarti: Uragano Sandy: una conseguenza del riscaldamento globale?

Potrebbe interessarti: Polo Nord: nuove rotte nel mar Artico

Sono disponibili le previsioni meteo e le WEBCAM della tua località/zona cercandola nell’apposito riquadro in HomePage.

Aggiornamenti anche su Facebook.

Articolo a cura di Alberto Spedicato

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti