Cometa Ison : Super-Spettacolo luminoso in arrivo. Si mobilita la NASA

Cometa Ison – Dopo la Cometa Panstarrs il 2013 vuole ancora regalare emozioni dal punto di vista astronomico. Nuovo spettacolo entro fine anno?

Cometa Ison/ Il 2013 vuole ancora regalare emozioni astronomiche. Dopo l’Asteroide DA14 e la Cometa Panstarrs (ancora visibile nei nostri cieli, QUI I DETTAGLI) ecco che si prepara un nuovo spettacolo luminoso, forse uno dei più importanti degli ultimi secoli.
Si tratta della Cometa Ison, chiamata ufficialmente C/2012 S1 (ISON), ovvero una cometa radente e non periodica scoperta il 21 settembre 2012 dal bielorusso Vitali Nevski e dal russo Artyom Novichonok. La scoperta è stata effettuata utilizzando un telescopio riflettore di 0,4 m dell’International Scientific Optical Network vicino a Kislovodsk in Russia.

La cometa arriverà al Perielio (punto di minima distanza dal Sole) il 28 novembre 2013 ad una distanza di 0,012 UA. La sua orbita è iperbolica e molto inclinata rispetto al piano dell’eclittica, elementi che fanno ritenere altamente probabile che la cometa provenga dalla nube di Oort. La cometa passerà a circa 0,07 UA da Marte il 1º ottobre 2013 e nel giorno di Santo Stefano, ovvero il 26 Dicembre 2013, la Cometa Ison raggiungerà la minima distanza con la Terra, a soli 60 milioni di km (0,4 UA), cioè 160 volte la distanza Terra-Luna. Insomma, potrebbe rappresentare uno degli eventi astronomici più spettacolari degli ultimi secoli, visibile benissimo anche ad occhio nudo.
Per confronto, la luminosissima cometa Hale-Bopp del 1997, passò a 197 milioni di km dalla Terra.

Per l’evento astronomico si mobiliterà anche la NASA : ” La differenza con gli altri eventi di questo tipo è la possibilità di preparare questo evento con largo anticipo, così da mettere in atto tutti gli strumenti adatti all’osservazione” , spiegano i tecnici della NASA , ” E’ una rara opportunità che abbiamo, specie perché possiamo pianificarla con lungo anticipo”.
La Cometa passerà a “solo” 1,1 milioni di chilometri dalla nostra stella e di conseguenza potrebbe regalarci uno degli eventi astronomici più spettacolari degli ultimi secoli.  La sonda Deep Impact della Nasa, rispetto agli altri strumenti del centro di ricerche e di quelli delle altre nazioni, ha già iniziato il suo lavoro. La sonda già dal mese di Gennaio ha cominciato a raccogliere dati scattando alcune foto, bisognerà attendere l’estate, più precisamente Agosto, per poter ottenere risultati più soddisfacenti.


Articolo di Raffaele Laricchia


Ultime notizie Leggi tutte


Tempesta di vento in Svizzera: uccisa dalla caduta di un albero una donna

Dissesto idrogeologico: sempre più fragile il territorio della Bergamasca

Valanghe: italiano morto travolto da valanga nel canton Vallese

ALLERTA protezione civile per VENERDI 15 DICEMBRE
Meteo a 7 giorni: piogge in arrivo al centro e al sud, poi freddo moderato

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti