Nuovo sistema di previsione per gli aeromobili

Nuovo sistema di previsione per gli aeromobili- Di recente è stato sviluppato un nuovo sistema di previsione, che allerta gli aeromobili sulle tempeste potenzialmente pericolose sugli oceani.

Nuovo sistema di previsione/Volare in condizioni avverse è uno dei maggiori problemi che affligge un pilota prima di un volo. Il National Center for Atmospheric Research (NCAR) ha sviluppato un nuovo sistema di previsione, per aiutare i voli a evitare pericolose tempeste mentre viaggiano su regioni oceaniche remote. È molto importante per un pilota conoscere lo sviluppo di temporali, poiché ad essi sono associati fenomeni meteorologici molto pericolosi come windshear, icing, lampi, grandine e turbolenza. Il nuovo sistema dell’NCAR combina i dati satellitari con i dati dei modelli meteorologici, per produrre mappe di tempeste pericolose su gran parte degli oceani del mondo. In particolare il sistema copre gran parte degli oceani Atlantico e Pacifico, dove il team dell’NCAR può accedere in tempo reale ai dati del satellite geostazionario, mentre le previsioni vengono aggiornate ogni 3 ore. Il sistema è quindi in grado di avvisare piloti e controllori del traffico aereo di eventuali tempeste e pericoli annessi, come turbolenza e lampi. Lo sviluppo del sistema di previsione è stato stimolato in seguito all’incidente dell’Air France 447, che nel 2009 incontrò una serie di temporali sull’Oceano Atlantico.

Nuovo sistema di previsione per gli aeromobili-Il nuovo sistema allerta i piloti e controllori del traffico aereo circa tempeste potenzialmente pericolose

Nuovo sistema di previsione per gli aeromobili-Il nuovo sistema allerta i piloti e controllori del traffico aereo circa tempeste potenzialmente pericolose

 

Potrebbe interessarti: La tromba marina, come nasce?

Potrebbe interessarti: Pioggia e onde radio: Misurare la pioggia tramite segnali

Sono disponibili le previsioni meteo e le WEBCAM della tua località/zona cercandola nell’apposito riquadro in HomePage.

Aggiornamenti anche su Facebook.

Articolo a cura di  Alberto Spedicato

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti