PRIVACY : Google sotto la lente d’ingrandimento dei Paesi dell’UE

PRIVACY/ Diversi Paesi dell’Unione Europea, tra cui anche l’Italia, si muoveranno a favore della protezione dei dati personali e della privacy da parte di Google. L’azione è stata intrapresa dal Garante della Privacy della Francia, della Germania, del Regno unito, dell’Olanda, della Spagna e dell’Italia ed è stata attivata una completa visione a 360 gradi su Google per verificarne il rispetto della disciplina sulla protezione dei dati personali. La vicepresidente della Commissione europea Viviane Reding plaude all’iniziativa e ‘Big G’ commenta : “Rispettiamo la legge europea e siamo in contatto con i Garanti”. L’iniziativa della task-force dei sei Garanti europei si riferisce all’unificazione della ‘privacy policy’ di diversi servizi (da Gmail a YouTube a Google Maps, solo per citarne alcuni) messa in campo da Mountain View un anno fa. Tra marzo e ottobre 2012 il gruppo delle Autorità della privacy dei 27 Paesi dell’Ue l’ha analizzata per stabilire se fosse in linea con i requisiti della Direttiva europea sulla protezione dei dati, che risale al 1995. Alla luce dei risultati di questa analisi, i Garanti hanno chiesto a Google di adottare entro quattro mesi una serie di modifiche necessarie per assicurare la conformità dei trattamenti alle disposizioni vigenti. Decorso questo periodo, alcuni rappresentanti di Google hanno chiesto un incontro con la task-force che si è tenuto il 19 marzo scorso a seguito del quale la società, “nonostante avesse manifestato la propria disponibilità non ha ancora adottato alcuna iniziativa concreta”.

Ciascuna delle sei Autorità coinvolte condurrà, pertanto, “ulteriori accertamenti con il formale avvio di procedimenti distinti ma in stretto coordinamento tra loro”. Nell’avvio della procedura, il garante italiano Antonello Soro, chiede la verifica dei “principi di pertinenza, necessità e non eccedenza dei dati trattati nonché degli obblighi sull’informativa agli utenti e sull’acquisizione del consenso” ricordando che “le nuove regole sulla privacy adottate da Google consentono alla società californiana di incrociare in via generalizzata i dati degli utenti che utilizzano i servizi offerti”. “La nostra normativa sulla privacy rispetta la legge europea e ci permette di creare servizi più semplici e più efficaci – risponde Google attraverso un suo portavoce -. Siamo stati costantemente in contatto con le diverse Autorità garanti della privacy coinvolte nel corso di questa vicenda e continueremo a esserlo in futuro”. “Azioni concertate come quella di oggi devono diventare la regola e non essere più l’eccezione”, commenta Viviane Reding, vicepresidente della Commissione europea che lo scorso anno ha presentato una proposta di revisione della direttiva del 1995 attualmente in vigore. Nel nuovo testo è previsto, tra l’altro, un meccanismo di sanzioni che valgano per l’intero territorio dell’Unione europea, con multe che potranno arrivare al 2% del fatturato. “Ho fiducia che entro quest’anno il Parlamento europeo e gli stati membri rafforzeranno sostanzialmente gli strumenti a disposizione”, conclude Reding.

PRIVACY : Google sotto la lente d'ingrandimento dei Paesi dell'UE

PRIVACY : Google sotto la lente d’ingrandimento dei Paesi dell’UE


Articolo di Raffaele Laricchia


Ultime notizie Leggi tutte


Tempesta di vento in Svizzera: uccisa dalla caduta di un albero una donna

Dissesto idrogeologico: sempre più fragile il territorio della Bergamasca

Valanghe: italiano morto travolto da valanga nel canton Vallese

Ultimissime meteo delle 12: rilancio GELIDO per le feste di NATALE!

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti