Clima: la vegetazione cambia nel mondo

Clima: la vegetazione cambia nel mondo- Alcuni geografi, hanno scoperto che il fattore principale che ha causato il cambiamento della vegetazione, negli ultimi 30, è attribuito alla variabilità climatica piuttosto che all’attività umana

Clima: la vegetazione/Negli ultimi 30 anni, la vegetazione è cambiata significativamente in tutto il mondo. Fino a poco tempo fa, la misura in cui il clima e il genere umano è stato responsabile è rimasta poco chiara.  Tuttavia, geografi provenienti dall’Università di Zurigo e colleghi provenienti dai Paesi Bassi, rivelano che più della metà di questi cambiamenti sembrerebbe sono climatologici, mentre un terzo è causato da fattori antropici. Il clima è la macchina che governa l’attività stagionale della vegetazione. Alle medie latitudini, la temperatura è quel fattore che più di tutti regola la crescita delle piante, mentre in aree prevalentemente secche è la disponibilità di acqua e alle alte latitudini ,la radiazione solare incidente. Senza dubbio, anche l’uomo ha modificato l’ecosistema. I satelliti hanno registrato come la vegetazione sulla superficie terrestre sia cambiata dagli anni 80 del secolo scorso. Negli ultimi 30 anni, la vegetazione è aumentata nell’emisfero nord ma è diminuita nell’emisfero sud. Tuttavia non è ancora possibile quantificare con esattezza la responsabilità associata alla variabilità climatica e all’attività umana. Il team di geografi sono riusciti a sviluppare un modello che illustra l’influenza del clima e dell’attività umana separatamente. Incrociando i dati da satellite con quelli del modello, i geografi sono giunti alla conclusione che circa il 54% del cambiamento della vegetazione è attribuita all’influenza del clima.

 

Potrebbe interessarti: L’inquinamento dei ghiacciai della cordigliera delle Ande

Potrebbe interessarti: I rifiuti di plastica invadono i Grandi Laghi

Sono disponibili le previsioni meteo e le WEBCAM della tua località/zona cercandola nell’apposito riquadro in HomePage.

Aggiornamenti anche su Facebook.

Articolo a cura di Alberto Spedicato

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti