Satellite GOCE: ormai prossimo l’impatto con la Terra

Abbiamo già parlato dell’argomento nelle scorse settimane: ora siamo giunti al momento in cui il satellite artificiale GOCE precipiterà sulla Terra. Il “Gravity Ocean Circulation Explorer”, ricordiamo, è un dispositivo dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) orbita intorno alla Terra da 4 anni ad un’altezza di circa 224 km, impegnato nel determinare le anomalie del campo di gravità con un’accuratezza di 1 mGal e anche nel determinare il geoide con una precisione di 1-2 cm.

E’ altamente probabile che l’impatto di Goce con l’atmosfera terrestre avvenga nei prossimi giorni: la caduta del satellite sulla Terra è dunque ormai imminente. Ma ci sono pericoli? Ricordiamo che secondo gli stessi esperti dell’Esa, la probabilità che il Satellite riporti danni a cose o persone risulta essere bassissima, pressocchè nulla, visto che i due terzi della Terra sono coperti da oceani e vaste zone sono scarsamente popolate.
Goce, nella fase di caduta libera, si distruggerà grazie alla nostra atmosfera in migliaia di frammenti per un peso complessivo di circa 250 kg che, in parte, riusciranno a raggiungere la superficie terrestre.

Satellite GOCE: ormai prossimo l'impatto con la Terra

Satellite GOCE: ormai prossimo l’impatto con la Terra

La data dello “schianto” atmosferico non è risaputa con precisione. “Dipende da attività solare e densità dell’atmosfera, a queste componenti è legata la tempistica del “bruciare” di Goce” afferma Roland Pail dalla Technical University di Monaco di Baviera, dove viene coordinata l’analisi scientifica dei dati “GOCE”.

Su questa pagina potete osservare in diretta il percorso del satellite Goce –> www.n2yo.com/?s=34602

Seguiranno eventuali nuovi aggiornamenti sull’argomento nelle prossime ore. 


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Previsioni meteo oggi: tornano i temporali, possibili grandinate

Brescia : scossa di terremoto con boati avvertita nella notte – dati INGV

Marche : scossa di terremoto moderata avvertita nel maceratese (20 maggio 2018) – dati INGV

Ancora TEMPORALI su gran parte d’Italia sino a mercoledì
MODELLO EUROPEO: la prima ondata di calore sul Mediterraneo? Accesso consentito

Link rapido alle PREVISIONI METEO delle principali città d’Italia:


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti