Tensione sismica nel Mar Ionio. La placca africana si muove verso l’Europa

Terremoti in Grecia/ Prosegue senza sosta l’intensa crisi sismica in territorio greco, in corrispondenza della placca Egea con epicentro sull’isola di Cefalonia, affacciata sul Mar Ionio. Oltre i due movimenti tellurici principali che hanno letteralmente sconvolto l’isola (QUI un video della situazione) fra il 26 Gennaio e il 3 Febbraio con magnitudo rispettivamente di 6.3 e 6.1, si sono verificate numerosissime scosse di terremoto di debole/moderata/forte intensità, molte delle quali superiori al quarto grado della scala Richter. Tutte perfettamente avvertite dalla popolazione, costretta a vivere nella paura ogni minuto della giornata.
Nel corso delle ultime ore si è nuovamente intensificato lo sciame sismico su Cefalonia con ben 3 scosse superiori al quarto grado Richter : alle 20.20 di Giovedi (M4.6) , alle 02.21 e alle 04.26 di questa notte (M4.3 e M4.2) .
Ma cosa sta accadendo precisamente? La litosfera al di sotto del Mar Ionio è sede di violenti scontri fra due grandi placche come quella africana e quella euroasiatica. Fra queste due placche vi troviamo una più piccola, denominata placca Egea, che si trova esattamente sotto il territorio greco. I movimenti delle placche più grandi determinano di conseguenza i movimenti di quelle più piccole e proprio in corrispondenza della placca Egea che stiamo assistendo a questa sequenza di forti terremoti.  La maggior parte dei terremoti superficiali nel centro e nel nord della Grecia (profondità inferiori a 50 km) è causata dall’interazione tra la placca Eurasiatica e la piccola placca del Mar Egeo, che si muove verso sud-ovest rispetto alla placca Eurasiatica con una velocità di circa 30 mm/anno. Il confine fra le due placche scorre lungo i settori centrali della Grecia e passa proprio a largo dell’Isola di Cefalonia.

La linea di confine fra tre grandi placche (euroasiatica, africana ed egea) scorre sotto Cefalonia

Inoltre entrambe le placche (Egea ed Euroasiatica) interagiscono con la placca Africana, la quale spinge in maniera costante verso il nostro Continente muovendosi al di sotto di esso. Il tutto avviene ad una velocità di quasi 40 mm/anno. Si tratta di un processo di “subduzione” analogo a quello che caratterizza i bordi della placca Pacifica (Alaska, Giappone, Sud-America, ecc.).
Insomma l’intensa sequenza sismica in atto altro non è che l’interazione fra queste tre grandi placche, tutte interagenti fra di loro lungo linee di confine ben precise. Essendo un punto molto critico in quest’area potrebbero verificarsi terremoti anche più forti, come accaduto già nel 1867, quando si verificò nell’area di Cefalonia un terremoto di magnitudo 7.1.

Rete di monitoraggio dei terremoti con mappe e informazioni  —> QUI
Pagina Facebook con monitoraggio in diretta —> QUI

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Hawaii, potente eruzione del Kilauea : fiumi di lava si gettano in mare e si sprigiona una nube tossica [VIDEO]

Maltempo a Firenze: albero cade su autobus pieno di turisti, ci sono feriti

Meteo Protezione Civile: domani diffusi e forti temporali su molte zone d’Italia

MODELLO EUROPEO: confermata l’avvezione africana di fine mese
Il primo CALDO in arrivo sull’Italia: DOVE, COME, QUANDO

Link rapido alle PREVISIONI METEO delle principali città d’Italia:


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti