Salute: uomo guarisce da 70 tumori in poche settimane

E’ una storia incredibile, a cui si fa davvero stento a crederci, ma assolutamente reale, e riportata da numerose testate giornalistiche negli ultimi giorni. Ian Brooks, età 47 anni, meccanico di Bolton, sarebbe guarito in appena 12 settimane da un linfoma a grandi cellule anaplastico, rara forma di linfoma non Hodgkin (Lnh), che gli aveva causato la formazione e proliferazioni di 70 tumori nel suo corpo.

Dopo diverse opzioni di trattamento fallito, l’uomo aveva poche settimane di vita, almeno secondo le previsioni dei medici. Al signor Brooks, è stato offerto un nuovo farmaco antitumorale, come ultimo tentativo per sconfiggere la malattia o quanto meno placarla. Dopo poche settimane, i medici che lo avevano in cura presso l’ospedale Christie di Manchester sono rimasti esterrafatti quando hanno confrontato le scansioni del corpo dell’uomo e hanno scoperto che erano chiare dove prima c’erano i tumori. Il signor Brooks è stata la prima persona al di fuori fuori degli Stati Uniti a provare il farmaco chiamato Brentiximab Vedotin. Il farmaco risulta essere noto come anticorpo monoclonale, in grado di ricercare le proteine specifiche sulla parte esterna delle cellule tumorali e poi distruggerle dall’interno. Un accaduto che richiama al miracolo, ma che apre invece a nuove concrete strade nella lotta contro alcune tipologie tumorali.

Salute: uomo guarisce da 70 tumori in poche settimane

Salute: uomo guarisce da 70 tumori in poche settimane

“Storie come questa dimostrano il valore della sperimentazione clinica”, spiega John Radford, ricercatore e direttore del Christie Hospital. “Alcuni pazienti possono beneficiare dei risultati della ricerca che ci permettono di muoverci verso nuovi obiettivi, sviluppando i trattamenti del domani. Mi auguro che siano sempre di più i pazienti che chiederanno di potersi sottoporre a questi trattamenti sperimentali”.
Il linfoma a grandi cellule anaplastico è un Lnh che coinvolge il sistema immunitario e colpisce circa 1.500 persone l’anno. “Ringrazio il Sistema sanitario britannico e l’ospedale”, ha ribadito Brooks. “Non penso sarei qui ora senza quel farmaco. Gli devo la vita”. Dopo la guarigione di Ian, il farmaco è stato adottato come terapia di routine per i pazienti dell’ospedale e oggi i pazienti affetti dalla stessa rara forma di Lnh possono usufruire del medicinale grazie al Cancer Drugs Fund.


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Eruzione dello Stromboli sempre più forte: lava e lapilli in mare

Meteo Protezione Civile domani: freddo sempre più intenso, previste anche nevicate

Maltempo: neve tonda nel Chianti, strade e campi si vestono di bianco

Modello europeo: freddo sull’Italia ancora per alcuni giorni, poi l’anticiclone?
NEWS DEL SABATO: rinforzo dell’alta pressione sotto Natale, ma prima….

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti