Tsunami in Giappone del 2011 : un secondo per cambiare tutto, video impressionanti delle telecamere

Tsunami in Giappone del 2011/ Tutti sicuramente ricorderete il devastante terremoto di magnitudo 9.0 che colpì il Giappone l’11 Marzo del 2011, il quale pdiede vita ad uno dei più terribili tsunami degli ultimi secoli. Furono circa 16 mila i morti accertati, oltre 4 mila i feriti.
Le onde di tsunami raggiunsero i 10 metri di altezza e viaggiavano ad una velocità di circa 750 km/h. Molti paesi, tra cui la Nuova Zelanda, l’Australia, la Russia, Guam, le Filippine, l’Indonesia, la Papua Nuova Guinea, Nauru, le Hawaii, le Marianne Settentrionali e Taiwan hanno, di conseguenza, dichiarato l’allerta tsunami. In Giappone l’allerta è stata subito portata al livello massimo.Le coste giapponesi più colpite dalle onde anomale sono state quella della prefettura di Iwate, dove si è registrata l’onda più alta, abbattutasi nelle vicinanze della città di Miyako, che ha raggiunto la straordinaria altezza di 40,5 metri, e quella della prefettura di Miyagi, che ha subito i maggiori danni, con automobili, edifici, navi e treni travolti dalle onde.

Vi mostriamo un video diffuso sul web ultimamente che mostra l’arrivo dell’onda visto dalle telecamere di sicurezza. Davvero incredibile come l’intero paesaggio venga stravolto nel giro di pochi secondi .

Clicca Mi Piace su InMeteo qui sotto per rimanere sempre aggiornato gratuitamente su meteo, terremoti e molto altro tramite facebook!!

Loading the player …

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile: domani freddo intenso e nevicate fino a bassa quota, ecco dove

Meteo Puglia : irrompe l’aria artica, da domani gran freddo e neve a bassa quota!!

Molise : tre scosse di terremoto avvertite a nord di Isernia – insiste la sequenza sismica

News della sera: FREDDO almeno sino a mercoledì 20 dicembre, poi…
Stratosfera in marcia verso un evento di forte raffreddamento: quali conseguenze sulla circolazione?

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti