Seconda metà d’Agosto tra Atlantico ed Azzorre

Seconda metà d’Agosto tra Atlantico ed Azzorre. Le perturbazioni atlantiche proveranno ad attaccare ma lo scudo anticiclonico potrebbe reggere al Centro-Sud

Seconda metà d’Agosto tra Atlantico ed Azzorre. Quest’anno la stagione calda ha dovuto davvero sudare le sette camicie (anzi che farle sudare a noi!) per raggiungere una certa stabilità sul bacino del Mediterraneo e sull’Italia Centro-Meridionale. Al Nord invece nonostante una lieve attenuazione della fenomenologia i settori alpini, prealpini e quelli a Nord del Po continuano a vivere una stagione disturbata dal frequente passaggio di impulsi instabili legati al transito di perturbazioni atlantiche sull’Europa Centrale.

Nei prossimi giorni l‘alta pressione Nord Africana darà luogo ad una moderata ondata di calore al Centro-Sud e si estenderà parzialmente anche al Nord anche se sulle Alpi l’instabilità proseguirà con qualche rovescio durante le ore pomeridiane, questo fino all’ 11 Agosto. Tra il 12 ed il 15 Agosto le correnti oceaniche riprenderanno vigore causando rovesci e temporali anche intensi su Alpi, Prealpi e settori a Nord del Po. Anche il Triveneto, più in generale, sarà a rischio di forti temporali. Altrove proseguirà il bel tempo ed il caldo. Tra il 16 ed il 17 del mese, l’Atlantico sferrerà un attacco più incisivo determinando una parziale battuta d’arresto della stabilità al Nord, sul Medio Adriatico e sull’Appennino Centro-Settentrionale. Su queste zone si verificherà una fase temporalesca, seguita dall’arrivo di aria più fresca. Le correnti Nord-occidentali si insinueranno anche su Isole, Tirreno e Sud Italia, inducendo un abbassamento delle temperature che si manterranno su livelli gradevoli e in un contesto di tempo sempre stabile e soleggiato.

Verso il 18 Agosto la pressione inizierà ad aumentare a partire da Ovest per una nuova estensione verso Est dell’alta pressione delle Azzorre. La prosecuzione mensile sarà poi segnata dalla contesa tra l’alta delle Azzorre, che supportata da masse d’aria africane più calde in quota, tenterà di opporsi ad ulteriori affondi Nord Atlantici. Le perturbazioni oceaniche tenteranno un nuovo attacco alla bella stagione tra il 21 ed il 23 Agosto, quando una maggiore ondulazione meridiana del getto potrebbe indurre un nuovo passaggio temporalesco al Centro-Nord.

La fine di Agosto potrebbe vedere un più deciso abbassamento del flusso perturbato oceanico, creando i presupposti per un più deciso decadimento stagionale dell’Estate 2014, senza per questo venir meno la possibilità di piacevoli fasi anticicloniche. In conclusione l’Estate riuscirà a mostrare il suo volto migliore al Centro-Sud nei prossimi 7-10 giorni. Dopo appariranno gradualmente i primi segnali di invecchiamento stagionale. Agosto si confermerà probabilmente il mese estivo per eccellenza.

Seconda metà d'Agosto tra Atlantico ed Azzorre

Seconda metà d’Agosto tra Atlantico ed Azzorre. Terza decade di Agosto, L’alta pressione proverà a resistere da Ovest, mentre da Nord spingeranno le correnti Nord Atlantiche.  Fonte: Meteociel.fr


Articolo a cura di Emiliano Sassolini

Ultime notizie (Leggi tutte)

  • Rischio alluvioni al nord : nubifragi in atto e neve in rapida fusione – massima allerta
  • Maltempo: a Trieste grosso muro crolla su quattro auto [FOTO]
  • Maltempo fra Piemonte e Lombardia: disagi a Bagnaria, strade chiuse
  • NEWS DELLA SERA: confermato il rinforzo dell’alta pressione in terza decade, ma prima…
    MALTEMPO: cosa sta succedendo in queste ore? Quale sarà l’evoluzione a breve termine?

    COMMENTS


    Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti