Allarme legionella nell’acqua : a Milano 6 persone contagiate, una è morta

Allarme legionella Milano/Sono 6 le persone al momento contagiate dal batterio della legionella a Bresso (Milano) e purtoppo una di loro è morta. I tecnici dell’Asl sono a lavoro per analizzare le campionature dell’acqua che scorre nelle tubature delle case e delle fontane per scovare il batterio. In uno dei condomini dove sono avvenuti i contagi è all’opera una pompa di dosaggio del cloro per pure le tubature dell’acqua. 

Il pm Esposito ha affidato una perizia a un infettivologo per capire la genesi della malattia nelle persone contagiate. Nel fascicolo dell’indagine, proprio in attesa degli esiti della perizia che arriveranno a fine anno, è iscritto l’amministratore di condominio dello stabile con l’accusa di lesioni colpose. Prima dei contagi  l’Asl aveva individuato la legionella, ma nel condominio era stato omesso di segnalarlo: anzi, era stato affisso in portineria un cartello rassicurante che escludeva la presenza del virus. Poco dopo la legionella si è manifestata nell’anziana. Ora saranno le indagini a verificare da cosa abbia avuto origine il contagio, e se ci sono responsabilità nella diffusione del virus per la cooperativa che gestisce il palazzo, per la società che distribuisce l’acqua oppure per la stessa Asl.

Paura a Milano – Sale la “psicosi” legionella a Bressa e in tutta Milano. Gli operatori sono andati nell’appartamento del primo paziente contagiato e hanno trovato la presenza del batterio esattamente nei luoghi per loro più congeniali dove annidarsi, ovvero nei soffioni della doccia e nei lavabi, ovvero dove c’è ristagno d’acqua. Ma nonostante i sei casi si siano registrati nel raggio di 500 metri, è tutta la città ad essere finita sotto osservazione. Acquedotto e fontane sono state passate al setaccio e sono stati prelevati una trentina di campioni. Sotto controllo, insieme con la rete idrica, sono finiti gli impianti di areazione: enormi condizionatori installati sui tetti di scuole, caserme e aziende. Le microparticelle di acqua veicolate dagli impianti di refrigerazione sono i maggiori portatori dell’agente killer.

«È qui che si annidano i maggiori pericoli — rimarca Oscar Di Marino, direttore sanitario del Bassini di Cinisello Balsamo, uno dei maggiori esperti italiani di legionella — Si tratta di un batterio da non sottovalutare. Nel 9,6 per cento dei casi è letale». Nonostante gli inviti alla calma e le continue rassicurazioni sulla «situazione sotto controllo», Asl e Comune di Bresso hanno stilato una lista di consigli. Tra questi quello di «evitare l’utilizzo della doccia e di usare precauzioni nell’utilizzo dell’acqua calda dei rubinetti di casa».

I sintomi della legionella sono molto simili a quelli della polmonite : febbre alta, tosse e difficoltà respiratorie.


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Maltempo: esonda fiume Nera in Umbria

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 16 Dicembre 2017 (ultimi terremoti, orario)

Terremoto in Indonesia : oltre cento case distrutte. Morti e feriti a Giava

MALTEMPO: nuovo impulso instabile tra lunedi e martedì sulla Sardegna…e non solo
AGGIORNAMENTO previsioni meteo LIVE per OGGI, DOMANI e i prossimi giorni

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti