Allerta meteo della Protezione Civile: venti forti, gelo e neve in arrivo da domani. Nuove criticità.

E’ di nuovo allerta della Protezione Civile per un nucleo di aria gelida in arrivo dai Balcani sull’Italia centro-meridionale. Colpirà in particolar modo le regioni adriatiche e il Sud con nevicate fino a quote pianeggianti entro Lunedì. Ecco i dettagli nel comunicato che segue :

Maltempo: da domani nuova allerta per venti forti e neve a basse quote – Criticità rossa in Veneto ed Emilia Romagna

Dalla serata di domani una nuova perturbazione, proveniente dall’Europa orientale, si porterà sul nostro paese causando un rinforzo dei venti e un calo delle temperature, con nuove nevicate fino a quote basse sulle regioni adriatiche centrali e sul meridione.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le Regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un nuovo avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticità consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal tardo pomeriggio di domani, domenica 8 febbraio, precipitazioni sparse – anche a carattere di rovescio o temporale – su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, con quota neve in calo fino a 300-400 metri e, localmente, fino al livello del mare sulle zone adriatiche. Previsti, inoltre, venti settentrionali da forti a burrasca su tutte le regioni orientali, dal Veneto alla Puglia, nonché su Lazio e Umbria, in successiva estensione dalla notte a Basilicata, Calabria e Sicilia. 

Allerta meteo della Protezione Civile: venti forti, gelo e neve in arrivo da domani. Nuove criticità.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto, è stata valutata per oggi e domani ancora criticità rossa per rischio idraulico diffuso in Veneto per il bacino del basso Brenta-Bacchiglione e Fratta Gorzone. La criticità resta rossa fino alla mezzanotte odierna, per rischio idraulico e idrogeologico, anche in Emilia-Romagna, sui bacini montani dei fiumi romagnoli, sulle pianure di Bologna e Ferrara e su quelle di Forlì e Ravenna; per la giornata di domani, queste ultime sono valutate in criticità arancione per rischio idrogeologico, mentre gli altri due settori in criticità gialla.
Ancora, nella giornata di domani, criticità gialla per rischio idraulico su Marche e Abruzzo, e idrogeologico su Molise, Puglia, Calabria e Basilicata, nonché su alcuni settori del Lazio, sulla Sicilia settentrionale e su buona parte della Sardegna.


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Furiosi venti di libeccio nella notte: strage di alberi in molte regioni

Cronaca: arrestato “Igor il Russo”, il famoso killer di Budrio

Maltempo in Campania: traghetti fermi nel Golfo di Napoli per il vento forte

Inizio settimana prossima all’insegna del FREDDO sull’Italia (LE MAPPE)

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti