Esperti giapponesi avvertono: movimento placche anomalo, possibile nuovo violento terremoto

Il devastante terremoto del 2011 potrebbe avere un seguito altrettanto distruttivo. Scienziati giapponesi nelle ultime settimane stanno avvertendo media e popolazione di una netta variazione di movimento delle placche tettoniche del Giappone,completamente diverso da quello esistente prima del terremoto di 4 anni fa, e suggeriscono di stare allerta per la possibilità di terremoti simili. Secondo quanto ha riferito la tv pubblica NHK, i ricercatori dell’Autorità geospaziale affermano con sicurezza che le placche tettoniche del Paese e della sua regione sono in movimento continuo.

Nello specifico, gli esperti affermano che due placche poste di fronte alle coste del Nord-Est del Paese, nella stessa area del sisma di quattro anni fa, si siano sollevate di oltre 20 metri. Da una accurata analisi sulle attività sismiche nei fondali marini, si è giunti alla conclusione che una delle placche si è spostata di 95 centimetri verso Est (un dato considerevole per il lasso di tempo in questione), nei pressi della penisola di Oshika, (provincia de Miyagi).

La causa di questo movimento, che ha interessato un’ampia zona a Sud di Hokkaido, è dovuta allo sfogo di “stress geologico”. Questo fenomeno si sta sviluppando, a detta degli esperti, non soltanto nella placca di fronte alle coste del Nord-Est, ma anche nell’area interna del Giappone, più a Sud. Dunque, ricercatori ed esperti ammettono di essere preoccupati per un nuovo possibile violento sisma, in grado di comportare tsunami devastanti, proprio come fu a Marzo 2011.

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Francesco Ladisa


Ultime notizie Leggi tutte


Paolo Nespoli rientra sulla terra dopo 139 giorni sulla Stazione Spaziale. Missione compiuta!

Meteo : insiste il maltempo sull’Italia. Occhio oggi ai venti forti di libeccio!

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 14 Dicembre 2017 (ultimi terremoti, orario)

Il meteo nodo natalizio: ecco una possibile evoluzione tra il 23 e il 30 dicembre!
Meteo week-end: chi aprirà l’ombrello? Dove farà più freddo?

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti