Pasqua fresca ed instabile o mite e soleggiata?

Pasqua fresca ed instabile o mite e soleggiata? Week end pasquale in bilico tra bel tempo anticiclonico e fresco e instabilità.

Pasqua fresca ed instabile o mite e soleggiata? L’Alta pressione delle Azzorre dopo aver esitato per gran parte di Febbraio e Marzo sta ora espandendosi in direzione del Mediterraneo Centro-Occidentale. In tal modo il tempo è migliorato o sta rimettendosi su un po tutte le Regioni. Il bel tempo, che già si era imposto al Nord, si è rapidamente esteso al resto d’Italia, ponendo fine anche alle ultime incertezze instabili che fino a ieri hanno riguardato il Sud ed il Medio Adriatico.
Nei prossimi 3-4 giorni il Sole regnerà quasi indisturbato. Ad eccezione di qualche stratificazione di passaggio, il tempo si mostrerà soleggiato e molto mite. In particolare le coste adriatiche e buona parte della Val Padana risentiranno dell’effetto di compressione dinamica esercitato dalle correnti tese in quota dominanti che proverranno da Ovest/Nord-Ovest. Su queste zone tra Lunedì 30 Marzo e Mercoledì 1° Aprile il termometro tenderà a valicare decisamente i 20°C, spingendosi fino a raggiungere picchi superiori ai 23-24°C. Sul resto d’Italia, in particolare sulle coste tirreniche, l’aumento termico potrebbe essere limitato dalla presenza di annuvolamenti indotti dallo scorrimento di aria più mite in arrivo da Ovest sopra al mare relativamente freddo dopo la stagione invernale. Queste stratificazioni da avvezione potrebbero dar luogo a nubi basse e riduzioni di visibilità sulle aree litoranee occidentali; si tratterebbe comunque di disturbi locali che nulla toglierebbero al clima generale primaverile visto che anche le zone più fresche vedrebbero i valori massimi avvicinarsi alla soglia dei 20°C.

Successivamente nel lungo termine le proiezioni per Pasqua si fanno più nebulose. Alla fisiologica incertezza che sempre accompagna le linee di tendenza del lungo termine si sovrappone la maggiore variabilità atmosferica imposta dal passaggio stagionale. Non è infatti raro tra i mesi di Marzo ed Aprile, passare da giornate soleggiate quasi pre-estive a bruschi cali termici tali da ricordare la stagione invernale da poco terminata con annesse condizioni d’instabilità.

Da giorni i modelli ECMWF e GFS alternano scenari ora più miti ed anticiclonici, ora più freschi o perfino freddi ed instabili per il possibile sopraggiungere di masse d’aria più fredde ed artiche. Questo perchè a livello continentale avremo ad Ovest un imponente anticiclone azzorriano che da un lato proverà ad estendere la sua influenza verso le nostre Regioni, dall’altro manterrà la sua parte più forte sull’Europa occidentale con rischio di espansioni in direzione dell’Atlantico Settentrionale. Sul comparto baltico e sulla Russia Europea Settentrionale agirà invece un altrettanto forte struttura di bassa pressione alimentata da aria molto fredda di estrazione artica.

E’ proprio tale configurazione sinottica che tenderà a rendere in bilico le sorti meteo della Nostra Penisola. Appare certo che il vortice freddo Nord Europeo tenderà ad estendere la sua influenza a gran parte dell’Europa Centro-Orientale e della Penisola Balcanica. L’Italia si troverà al confine delle due opposte figure bariche. I versanti orientali sono quelli a maggior rischio per il week end pasquale. Ad Oggi l’ultimo run GFS intravede un rapido passaggio instabile in moto da Nord/Ovest verso il Meridione tra il 4 ed il 5 Aprile. La sostanziale tenuta dell’alta pressione limiterebbe il tutto ad una rapida passata di rovesci sparsi con clima si più fresco e ventilato ma sempre Primaverile con il meteo che già tra Pasqua e Pasquetta si presenterebbe discreto. Più pessimista la visione ECMWF che invece vede l’aria fredda entrare in maggior quantità e generare un vortice al suolo sul Mar Ligure. Il passaggio perturbato sarebbe sempre abbastanza rapido, ma Sud Italia ed Adriatico vedrebbero l’instabilità perdurare fino al 6 Aprile incluso. Il calo delle temperature sarebbe ovunque più incisivo con ritorno a condizioni tardo invernali ed anche la fenomenologia sarebbe più diffusa ed intensa.

Lo scenario più probabile è che l’aria fredda possa influenzare di più il tempo del settore adriatico con un moderato calo delle temperature e qualche rapida manifestazione d’instabilità che però non comprometterebbe in generale l’andamento primaverile del periodo pasquale. Nei prossimi aggiornamenti saremo più precisi.

Pasqua fresca ed instabile o mite e soleggiata?

Pasqua fresca ed instabile o mite e soleggiata? Week end di Pasqua al limite tra l’anticiclone e l’aria più fredda artica. Fonte: Meteociel.fr


Articolo a cura di Emiliano Sassolini

Ultime notizie (Leggi tutte)

  • Meteo Protezione Civile: forte maltempo domani, temporali e vento forte
  • Tempesta di vento in Svizzera: uccisa dalla caduta di un albero una donna
  • Dissesto idrogeologico: sempre più fragile il territorio della Bergamasca
  • AGGIORNAMENTO previsioni meteo LIVE per OGGI, DOMANI e i prossimi giorni
    MALTEMPO Live: forti piogge attese su Lazio e Campania, ventoso su gran parte d’Italia

    COMMENTS


    Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti