Allarme nucleare in Francia: anomalia ad un reattore. Quali rischi per l’Europa?

L’autorità per la sicurezza nucleare francese ha annunciato verso metà giornata odierna un’«anomalia» tecnica nel serbatoio del reattore EPR di Flamanville, in Normandia, regione settentrionale della Francia. «Anomalie sono state individuate nella composizione dell’acciaio di determinate porzioni del coperchio e del fondo del serbatoio» ha affermato Guillaume Bouyt, capo della divisione locale dell’authority (ASN), citato dai media francesi. Si tratta di un problema distinto da quello annunciato lo scorso Novembre dal gestore EDF sul coperchio del serbatoio della stessa centrale di ultima generazione, ha precisato ASN.

La costruzione del reattore è iniziata del 2007 e prevista terminare nel 2017, ma solo adesso, con una verificata di routine da parte delle aziende responsabili del cantiere, è emersa la problematica. «I controlli – si legge nel rapporto – mostrano che uno dei parametri non era rispettato in una zona, che presentava una concentrazione di carbonio più elevata della media». Le due aziende hanno quindi disposto una nuova serie di controlli, in accordo con l’Autorità per la sicurezza nucleare e il ministero dell’Ambiente. I risultati, secondo il ministro Segolene Royal citata da Le Figaro, sono attesi per Ottobre. Il cantiere di costruzione, nel frattempo, prosegue. Il reattore “Epr” utilizza una tecnologia nucleare di terza generazione, sviluppata dalla due aziende francesi, che dovrebbe consentire una produzione di energia più efficiente. Naturalmente in Italia è scattata subito la paura, per la centrale nucleare che si trova poco aldilà delle Alpi, tuttavia al momento non c’è ragione per allarmarsi. Si tratta di un problema tecnico individuato e tenuto sotto controllo, come detto, il che non vuol dire che vi sarà un incidente nucleare, che sicuramente potrebbe causare conseguenze gravi in Francia e non solo.


Articolo di Francesco Ladisa


Ultime notizie Leggi tutte


IRAN | Nuova forte scossa di terremoto vicino a molti centri abitati – dati USGS

Terremoto Sicilia : scossa moderata nel messinese ben avvertita – dati INGV

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, Mercoledì 13 Dicembre

Ultimissime: rinforzo anticiclonico, ma l’Italia ancora coinvolta da fredde correnti settentrionali
Un po’ di alta pressione all’inizio della terza decade ma non per tutti

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti