Salute / Allarme scabbia in Lombardia, ci sono diversi casi

Diversi casi di scabbia sono stati riscontrati negli ultimi giorni in Lombardia e nella zona di Milano-Monza. L’allarme è partito dopo che una madre e sua figlia sono risultate positive ai test e quindi contagiate da scabbia. Per ora la situazione è sotto controllo ma nelle ultime ore la paura è aumentata.

Anche perchè, secondo quanto riferito dall’associazione “Articolo 51” di Monza, che ha raccolto le testimonianze di alcune mamme degli istituti scolastici della zona, ci sarebbero stati anche altri casi. Come da protocollo, le persone residenti nello stesso complesso della famiglia contagiata sono state poste sotto osservazione per oltre quaranta giorni. Secondo quanto riportato da Asl sono state informate tutte le classi della scuola elementare frequentata dalla bambina malata.

 Secondo quanto riferito dall’assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, “quattro sospetti casi di scabbia sono stati rilevati dagli operatori sanitari tra i profughi in attesa di essere trasferiti dalla Stazione Centrale al Centro di via Corelli, a Milano”. I quattro sono stati portati all’ospedale Niguarda e al San Paolo per gli accertamenti e le eventuali cure. Non si escludono altri casi in altre zone d’Italia.

 Ecco l’informativa diffusa dall’Asl poco fa:

La scabbia è una malattia contagiosa della cute dovuta ad un artropode (Sarcoptes Scabiei). Il periodo di incubazione è di 2/6 settimane. In questo periodo c’è la replicazione dei primi parassiti e lo sviluppo dei sintomi. Al punto di entrata sulla cute si può talora rilevare un piccolo ponfo o macchiolina rosso-brunastra, la cui comparsa viene in genere trascurata.

I sintomi – I sintomi sono costituiti da intenso prurito, specialmente notturno, lesioni da grattamento e comparsa di cunicoli (linee sottili e lunghe da cinque a dieci millimetri), che terminano con una rilevatezza puntiforme.

Come si trasmette – La trasmissione avviene per contatto personale (cute-cute) e più raramente mediata dagli indumenti o dagli effetti letterecci, per tutto il periodo in cui il paziente rimane infetto e non trattato, compreso il tempo precedente la comparsa dei sintomi.

Salute / Allarme scabbia in Lombardia, ci sono diversi casi

Cosa occorre fare se si verifica un caso di malattia – Nel caso in cui venga diagnosticata scabbia, oltre al trattamento con farmaci specifici da applicarsi secondo le indicazioni del medico curante, è opportuno attuare interventi di bonifica dell’ambiente ove vive il soggetto. Lavare ad almeno 60° biancheria, lenzuola e asciugamani; i vestiti che non possono essere lavati debbono essere esposti all’aria per alcuni giorni (i parassiti non sopravvivono più di 3-4 giorni se non sono a contatto con la pelle).


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Eruzione dello Stromboli sempre più forte: lava e lapilli in mare

Meteo Protezione Civile domani: freddo sempre più intenso, previste anche nevicate

Maltempo: neve tonda nel Chianti, strade e campi si vestono di bianco

Modello europeo: freddo sull’Italia ancora per alcuni giorni, poi l’anticiclone?
NEWS DEL SABATO: rinforzo dell’alta pressione sotto Natale, ma prima….

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti