Temporali di calore : numerose celle anche forti stanno colpendo le aree interne (previsioni meteo)

Temporali di calore/ Il progressivo calo della pressione e dei geopotenziali all’interno della vasta area anticiclonica che da oltre 3 settimane sta persistendo sul Mediterraneo sta determinando, come previsto, l’innesco di numerosi temporali di calore.

Nelle ultime ore sono numerosi i temporali che stanno interessando le zone interne della nostra Penisola, soprattutto sull’Appennino centro-meridionale e localmente anche sull’Appennino settentrionale (in Emilia con sconfinamenti anhe sulle pianure) e sull’arco alpino. I fenomeni risultano decisamente violenti (lo si nota dal colore rosso nell’immagine radar, che indica fenomeni a fondoscala) sull’Emilia, sull’Appennino pistoiese, sulla Toscana centrale, nelle zone interne del Lazio e dell’Abruzzo. Nel primo pomeriggio temporali estremamente localizzati ma violenti avevano coinvolto anche le zone interne della Sardegna e della Sicilia centro-orientale.

[nggallery id=128]

Nel corso della serata i fenomeni tendereranno gradualmente a dissolversi ovunque e le temperature risulteranno più basse nei settori colpiti dagli acquazzoni e dai temporali mentre nelle aree non colpite proseguirà il caldo africano e, addirittura, vi sarà un ulteriore aumento dell’afa.
Nel corso dei prossimi giorni l’instabilità andrà via via aumentando grazie all’ulteriore calo della pressione e ciò permetterà ai temporali di raggiungere anche numerose aree pianeggianti e costiere, soprattutto sul Centro-Sud fra Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia. Temporali numerosi interesseranno anche fra Molise, Abruzzo, Lazio, Umbria, Marche, Sardegna e Toscana (grossomodo zone interne) per quanto riguarda il Centro e su Emilia, Piemonte, Lombardia, Veneto e Trentino (sui rilievi con sconfinamenti rari anche in pianura Padana) per quanto riguarda il Nord . Trattandosi di instabilità convettiva i fenomeni temporaleschi avranno modo di formarsi quasi esclusivamente durante le ore pomeridiane e nelle prime ore della sera, garantendo alcune ore di frescura laddove colpiranno.

Il culmine del maltempo sarà raggiunto fra Domenica e Martedi quando sull’Italia scorrerà un vasto fronte freddo atlantico che colpirà soprattutto il Nord. In questo frangente sono attesi fenomeni violenti sulle pianure (LEGGI QUI maggiori dettagli >>>)


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Oltre 3000 fulmini caduti nella notte in Trentino: distrutta la baita Schoenberg

Meteo Protezione Civile oggi: forti temporali su molte regioni, il bollettino

Nubifragio nel messinese: fiume di fango e pietre a Fantina [VIDEO]

Monitoriamo le mosse dell’alta pressione africana con l’ITCZ
MeteoLive: il fronte freddo in Adriatico, l’est che sostituisce il foehn sul nord-ovest!

Link rapido alle PREVISIONI METEO delle principali città d’Italia:


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti