Euromobility: stilata la classifica delle città più eco-mobili

Anche quest’anno Euromobility e il Ministero dell’Ambiente ha realizzato il report sulla “Mobilità sostenibile in Italia“.

I risultati migliori provengono dal Nord Italia, grazie ad un calo dell’indice di motorizzazione e a elementi positivi come un buon utilizzo del “bike sharing” e “car sharing”. La città, fra le principali 50 località italiane considerate, in cui si ha la migliore mobilità eco-sostenibile, è Venezia, che aveva ottenuto il primo posto già nel 2013.

Sul podio tutte città del nord, con il secondo posto a Brescia e il terzo a Torino; poco sotto Parma, al quarto posto, e Milano al quinto. Nella top ten si confermano anche Firenze, al sesto posto, e Bologna al settimo, mentre Roma è soltanto al diciassettesimo posto. Chiudono la classifica Padova, all’ottavo posto, Bergamo al nono e Cagliari al decimo, una città del Centro-sud che per la prima volta conquista una posizione tra le prime dieci. In fondo alla classifica della mobilità sostenibile Reggio Calabria, Potenza e L’Aquila.

Lo studio segnala inoltre una flessione (-0,5%) del tasso di motorizzazione nelle principali 50 città italiane (a dispetto del dato nazionale, che segnala un lieve incremento del +0,2%) e la contestuale continua crescita del numero di veicoli a basso impatto, i quali raggiungono complessivamente l’8,5% del parco nazionale circolante.

Quella che si conferma è, comunque, un’Italia ancora a due velocità, con il sud della penisola che fatica a tenere il passo dell’innovazione, ma con interessanti esperienze in controtendenza: sono a Cagliari gli utenti del car sharing convenzionale che usano di più il servizio rispetto a ogni altra città italiana e Palermo introduce il servizio su area vasta insieme a sole altre 3 realtà, Trento, Bolzano e Torino.

«Il Rapporto – afferma Lorenzo Bertuccio, direttore scientifico di Euromobility – conferma che la cosiddetta sharing mobility è ormai una realtà consolidata, almeno nei desideri dei cittadini: gli utenti dei servizi di bike sharing sono cresciuti rispetto all’anno precedente di quasi 11 punti percentuali e quelli dei servizi di car sharing convenzionale di oltre 21, raggiungendo questi ultimi quasi quota 30.000. Le città sembrano finalmente aver compreso il cambio di atteggiamento dei cittadini: crescono infatti sia il numero di biciclette in sharing (+17,2%), sia le auto condivise dei servizi convenzionali (+22.8%) che superano nel 2014 le 700 unità”.  Emerge però un dato negativo: “Purtroppo il 2014 – sottolinea il presidente di Euromobility, Roberto Maldacea – registra ancora una riduzione dei servizi di trasporto pubblico offerti ai cittadini (in 43 città su 50), ma per fortuna si registra anche qualche segnale positivo dall’area meridionale del Paese».

Ricevi le notifiche delle notizie più importanti (meteo, terremoti e altro)


Articolo di Francesco Ladisa


Ultime notizie Leggi tutte


Terremoto oggi: scossa leggera ma avvertita in Romagna, nella zona di Faenza

Meteo Protezione Civile: domani instabilità in aumento

Crollo sull’Everest: il famoso Hillary Step non c’è più

ANTICICLONE sul Mediterraneo: ecco le regioni più interessate
Non solo 2003, chi si ricorda dell’estate del 2009 in Piemonte?

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti