Genova Pegli: grandi quantità di petrolio in mare [VIDEO]

Video di oggi: il petrolio è arrivato in mare davanti a Genova Pegli

Continua ad essere preoccupante la situazione a Genova, per la diffusione del petrolio fino in mare in seguito all’incidente di Domenica sera.

In mattinata vi è stato un sopralluogo da parte del sostituto procuratore Walter Cotugno, che indaga per disastro ambientale colposo, sul luogo in cui è esploso il tubo dell’oleodotto della Iplom riversando nel torrente Polcevera circa 600 metri cubi di greggio. Il pm, con la squadra di polizia giudiziaria dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente ligure, ha controllato anche la prima parte della conduttura che da Multedo arriva a Fegino e nella sede della Iplom, compresi i depositi della società.

I tecnici Arpal, sempre stamani, hanno effettuato le misurazioni con un laser scanner lungo il fianco della collina. Le misurazioni serviranno per quantificare quanta terra è stata smossa e se la frana sia avvenuta prima dell’incidente o se sia stata causata dall’esplosione. Si cercherà di capire le effettive cause della rottura del tubo. Da non escludere anche un errore umano. Nella giornata di domani ci sarà una corsa contro il tempo per arrivare prima della pioggia (prevista dalla notte-mattina di Sabato) ed evitare che la marea nera raggiunga ancor di più la costa e contamini altri animali

Video pubblicato su facebook da Massimo Currò nel pomeriggio di oggi

Ricevi le notifiche delle notizie più importanti (meteo, terremoti e altro)


Articolo di Francesco Ladisa


Ultime notizie Leggi tutte


Terremoto oggi: scossa leggera ma avvertita in Romagna, nella zona di Faenza

Meteo Protezione Civile: domani instabilità in aumento

Crollo sull’Everest: il famoso Hillary Step non c’è più

Ultimissime della sera: l’anticiclone ritorna PROTAGONISTA del palcoscenico atmosferico d’Europa
ANTICICLONE sul Mediterraneo: ecco le regioni più interessate

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti