La corretta intensità del terremoto del Centro Italia: ecco il comunicato INGV

Abbiamo già discusso (in questo articolo) della “bufera” creatasi sull’esatta intensità del terribile terremoto di Mercoledì 24 Agosto. In questo articolo abbiamo spiegato ampiamente come i “commenti complottisti” circa una sottostima voluta del grado del terremoto, da parte dell’INGV, siano assolutamente infondati.

Non ci sarebbe altro da aggiungere, ma vogliamo pubblicare anche la nota ufficiale dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia italiano (INGV, per l’appunto), che spiega come la magnitudo con cui si misura il terremoto, con il risarcimento dei danni, non abbia nulla a che vedere.

Tralasciando che il decreto (Monti) attorno a cui gira la “polemica bufala” fu soppresso con la Legge n.100 del 12 luglio 2012, e questa stabiliva che la ricostruzione viene risarcita interamente dallo Stato, ecco la spiegazione dell’INGV:

Il valore della magnitudo NON è utilizzata per il risarcimento dei danni prodotti dai terremoti; per questo scopo in passato sono stati utilizzati i valori di intensità calcolata sulla base della scala Mercalli (in realtà la scala Mercalli-Cancani-Sieberg).

Come qualsiasi parametro fisico, la stima della magnitudo è affetta da incertezza. In particolare il valore di magnitudo calcolato dall’INGV è 6.0 +0.3/-0.3

Le stime fornite dall’INGV, dall’USGS e da altre agenzie internazionali rientrano nella variabilità aspettata.

I dati utilizzati e i parametri del modello crostale di riferimento possono differire contribuendo all’incertezza della stima. L’INGV utilizza un modello delle velocità crostali calibrato proprio per l’Italia centrale e una densità di stazioni sismiche maggiore di quello delle altre agenzie internazionali che utilizzano modelli di velocità globali.

Anche L’INGV, utilizzando i modelli globali ed un’altra tecnica di analisi dei dati (RCMT) ottiene un valore di magnitudo pari a 6.2.

Esistono diversi definizioni e metodi di stima delle magnitudo (magnitudo locale, magnitudo momento, magnitudo dalle onde superficiali e di volume, magnitudo durata, ecc.). Queste vengono utilizzate a seconda del tipo di strumentazione che ha registrato le onde sismiche rilasciate dal terremoto e della distanza tra le stazioni e l’epicentro (scala locale, regionale o globale). Per il medesimo evento sismico, dovrebbero fornire stime della magnitudo identiche, ma effettivamente forniscono valori leggermente differenti anche se di norma all’interno delle incertezze di ciascuna stima.

 

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI


Articolo di Francesco Ladisa


Ultime notizie Leggi tutte


Veneto : violenti temporali e grandine grossa nel veneziano. Cielo impressionante [FOTO]

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, Mercoledì 26 Luglio 2017

Violenti temporali in Abruzzo : violenta grandinata con chicchi grossi in provincia di Pescara[VIDEO]

Ultimissime della sera: la riscossa dell’anticiclone africano sul Mediterraneo
PREVISIONI METEO: ben presto la riscossa dell’anticiclone sul Mediterraneo ma non per tutti

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti