Clima: si va verso l’anno più caldo della storia (2016)

Sono eloquenti le ultime proiezioni illustrate dall’Onu sulla temperatura del pianeta nell’anno in corso.

“Tutte le indicazioni portano ad affermare che il 2016 sarà l’anno più caldo della storia, sopra il primato stabilito nel 2015″. Questo emerge da una dichiarazione rilasciata alla Conferenza Onu sul clima (COP22) di Marrakech.  Il periodo che va da Gennaio a Settembre 2016, secondo i dati NOAA, presenta infatti un’anomalia di 0.89°C, oltre un decimo di grado in più rispetto lo stesso periodo dell’anno scorso.

Oltre 190 paesi sono riuniti a Marrakech per cercare di procedere nell’attuazione dell’accordo di Parigi sigillato lo scorso anno con lo scopo di limitare il riscaldamento globale sotto i 2 ° C. Al di là di questa soglia, secondo i climatologi sarà estremamente difficile adattarsi agli effetti dei cambiamenti climatici in molte aree del mondo.

“Se confermato, il 21° secolo ha già registrato gli anni più caldi della storia delle rilevazioni, cominciate alla fine dell’800” aggiungono dal Wmo. Quest’anno la media della temperatura è schizzata in alto soprattutto per gli effetti di El Nino, il fenomeno climatico ciclico che provoca un forte riscaldamento delle acque dell’Oceano Pacifico. L’anno più caldo del secolo fino a oggi era considerato il 2015 ma la Wmo ha precisato che comunque dal 2001 a oggi, il 21° secolo ha già registrato l’insieme degli anni più caldi della storia, con l’unica eccezione del caldissimo 1998, altro anno di forte influenza di El Nino.

El Nino rappresenta comunque solo un fattore, che non deve precludere la consapevolezza della problematica del global warming. Anche la concentrazione di gas serra nell’atmosfera ha raggiunto livelli senza precedenti e l’estensione del ghiaccio marino artico è stata modesta. Quest’anno infatti l’estensione del ghiaccio marino artico, ad esempio in Groenlandia,  è stata la seconda più bassa mai registrata (4,14 milioni di km2 nel mese di settembre), dietro solo a quella del 2012. “In alcune regioni artiche della Federazione Russa, la temperatura era superiore di sei, sette gradi sopra il normale “, ha dichiarato Petteri Taalas, segretario generale del Wmo, “mentre in molte regioni artiche e subartiche della Russia, Alaska e Canada nord-occidentale, la temperatura era sopra la norma di almeno 3 °C.

Pesanti le conseguenze in atto e future sull’ambiente, sugli ecosistemi naturali. Inevitabili saranno, per gli esperti, anche le consguenze sempre più gravose sull’economia mondiale, se non si porrà rimedio all’aumento globale della temperatura e all’inquinamento.

 

Puoi inviarci messaggi, foto e video attraverso WhatsApp, al numero 3475844579


Articolo di Francesco Ladisa


Ultime notizie (Leggi tutte)

  • Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 3 Dicembre 2016 (ultimi terremoti, ora)
  • Terremoti nella notte: molte scosse, due sequenze sismiche al Centro e al Sud
  • Previsioni meteo oggi: deboli piogge su alcune regioni, i dattagli
  • AGGIORNAMENTO previsioni meteo LIVE per OGGI, DOMANI e i prossimi giorni
  • Il tempo per la PROSSIMA SETTIMANA (5-11 dicembre) in sintesi
  • COMMENTS


    Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti