Allerta meteo Piemonte : nuovo allarme rosso dell’Arpa. Nubifragi anche nelle prossime ore

L’Arpa Piemonte ha prolungato anche per la prossime ore l’allerta di livello 3 (massima) sui settori alpini e pedemontani della provincia di Torino, e anche su bassa pianura pinerolese. Livello 2 per la pianura Torinese.

Dal sito Arpa Piemonte :

Leggi le ultime previsioni o guarda i video meteo

Nelle ultime 12 ore le precipitazioni sono state molto forti sull’intera fascia pedemontana della regione, in particolare sull’alto Tanaro e sulla bassa Val Chisone, Val Pellice e Val Sangone. Sono stati registrati valori cumulati superiori ai 150 mm in 12 ore e 100 mm in 6 ore, i massimi nel bacino dell’alto Tanaro. Al di sopra dei 1700 m di quota si sono registrate precipitazioni nevose, con valori più significativi (tra 20 e 50 cm) al di sopra dei 2000 m su Alpi Graie e Cozie, con un massimo di 70 cm al rifugio Vaccarone (TO).

Fiumi ed effetti al suolo

Le intense precipitazioni registrate nelle ultime ore sul Piemonte occidentale hanno determinato un notevole incremento dei livelli idrometrici. In particolare, si segnala la situazione del Tanaro dove agli idrometri di Garessio (CN), Piantorre (CN) e Farigliano (CN) sono stati superati i livelli di pericolo; a valle della confluenza con il Pesio i livelli sono in crescita oltre il livello di guardia. Anche sugli affluenti principali nell’alta valle del Tanaro si sono registrati superamenti dei livelli di guardia (Corsaglia, Mongia, Ellero).
Nel torinese, i livelli idrometrici di Pellice, Stura di Lanzo, Chisone e Sangone hanno superato il livello di guardia e sono in crescita. I livelli del Po sono attualmente in crescita con valori al di sotto di livelli di guardia.
In provincia di Alessandria i livelli di Bormida e Orba rimangono stazionari al di sotto del livello di guardia cosi come nel vercellese (Strona, Sesia, Elvo, Cervo).

Previsioni

Nel pomeriggio persisteranno le intense precipitazioni su gran parte della regione. In particolare sulla fascia montana e pedemontana di torinese e cuneese e pianure adiacenti sono attesi quantitativi massimi cumulati in 12 ore prossimi ai 150 mm e sulle zone al confine con la Liguria di ponente si prevedono valori massimi cumulati intorno ai 170 mm in 12 ore. Sul settore più settentrionale (biellese e vercellese) è attesa intensificazione delle piogge. La quota neve si manterrà stazionaria sui 1800-1900 m, localmente più bassa a causa dell’intensità della precipitazione. I fenomeni persisteranno sulla regione ancora nella mattinata di domani con piogge molto forti sulle zone montane e pedemontane del torinese e alto cuneese,  di minore intensità altrove. La quota neve è attesa in lieve diminuzione. Dal pomeriggio di domani è prevista una graduale attenuazione delle precipitazioni a partire dai settori meridionali.


Articolo di Raffaele Laricchia


Ultime notizie Leggi tutte


Terremoto in Messico, ultime notizie : crollano due chiese, strage durante un battesimo

Terremoto Messico : strage di bambini nella Capitale. Si aggrava il bilancio delle vittime

Terremoto in Messico, il Papa : “Momento di grande dolore. Che Dio onnipotente accolga le vittime”

Ultimissime della sera: ancora alcuni giorni di tempo incerto, poi…
Il RE indiscusso delle nuvole: ecco quando il cielo dà spettacolo

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti