Previsioni meteo : imminente vasta irruzione artica. In arrivo depressione carica di piogge e neve!

Previsioni meteo/ Le correnti fredde polari non hanno alcuna intenzione di abbandonare la nostra penisola dopo la gelida sferzata giunta la scorsa settimana su gran parte del centro-sud. La circolazione resterà disposta dai quadranti settentrionali anche nel corso dei prossimi giorni sebbene con un asse più occidentale e quindi con un maggior coinvolgimento dei settori tirrenici.

Già ieri abbiamo assistito a deboli nevicate sino in pianura al nord e a bassa quota sulle regioni centrali, a causa del transito di una massa d’aria relativamente fredda ma abbastanza rapida. Si è trattato solo di un assaggio in quanto un nuovo fronte freddo, decisamente molto più vasto e gelido rispetto al precedente, sta per raggiungere il Mediterraneo attraverso la valle del Rodano pronto a regalare un lungo periodo freddo e invernale su tante regioni italiane.

Leggi le ultime previsioni o guarda i video meteo

L’aria fredda scivolerà sul mar Tirreno già nella prossima notte, andando ad approfondire un vortice di bassa pressione semi-stazionario che coinvolgerà gran parte del centro-sud Italia. Tanto maltempo è atteso tra domani e gran parte della prossima settimana su Lazio, Campania, Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata, Puglia, Molise, Abruzzo, Umbria, Marche, Toscana e Romagna. La neve scenderà sino a quote molto basse, anche in pianura su Marche, Romagna, Abruzzo e Umbria, mentre potrà raggiungere i 200/300 metri di quota tra Lazio, Toscana e Molise. Fiocchi di neve sono attesi anche a Roma domani mattina. In Appennino le nevicate risulteranno molto abbondanti, con accumuli anche superiori ai 150 cm oltre i 900 metri di quota.

Al sud avremo tanto maltempo ma un clima sostanzialmente meno freddo rispetto alle regioni centrali grazie ad un richiamo più ” mite ” causato dalla depressione tirrenica. La neve scenderà solo oltre i 600/700 metri di quota. Locali episodi nevosi sono attesi anche a quote più basse tra Puglia, Basilicata e Campania ma solo in caso di fenomeni più forti.

Il nord molto probabilmente resterà a guardare almeno per tutta la prima parte del peggioramento ( sino a martedi-mercoledi), in quanto risulterà molto distante dal vortice depressionario posizionato sul Tirreno centrale. Il clima tuttavia risulterà gelido specie durante le ore notturne.
Tutta da decifrare la situazione dopo mercoledi, in quanto basterebbero piccoli spostamenti delle masse gelide per determinare un peggioramento sensibile al nord o al sud Italia. Per il momento possiamo confermare l’arrivo della neve sino a quote bassissime sulle regioni centrali, vero obiettivo di questo peggioramento.


Articolo di Raffaele Laricchia


Ultime notizie Leggi tutte


Meteo Protezione Civile: il bollettino per la giornata di domani, Lunedì 20 Novembre 2017

Terremoto Emilia oggi : intensa scossa vicino Parma. Tremori sino a Genova, Milano, La Spezia, Bologna

Terremoto Emilia Romagna: improvvisa sequenza di scosse, ecco i dati

METEO LUNGO TERMINE: ecco gli scenari messi al vaglio dai modelli
NEWS DELLA DOMENICA: all’esordio della grande mitezza, vediamo perchè

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti