Violente nevicate tra Marche e Abruzzo : colpite teramano, ascolano, teatino con oltre un metro di neve

Maltempo al centro Italia/ Prosegue l’ondata di maltempo sulle regioni centro-meridionali determinata da una profonda ciclogenesi tirrenica alimentata da una vasta massa d’aria fredda artica. Questa situazione persisterà quantomeno sino a giovedi senza grosse variazioni, risultando pertanto molto pericolosa soprattutto per le regioni centrali adriatiche dove già sono cadute al suolo ingenti quantità di neve.

La depressione è attualmente posizionata a largo della Calabria tirrenica e continua ad inviare impulsi perturbati verso la Puglia e le regioni del medio adriatico dove proseguono forti nevicate sino a basse quote. Tra Marche e Abruzzo la neve sta cadendo a tratti anche sulle coste con accumulo, specie tra ascolano, teramano e pescarese. A partire dai 200 metri di quota i quantitativi di neve diventano via via sempre maggiori : le più colpite sono le province di Chieti, Teramo e Ascoli dove si registrano accumuli compresi tra i 70 e i 100 cm. Oltre i 600 metri di quota la neve ha abbondantemente superato il metro di altezza.

Le nevicate proseguiranno ancora per oltre 60 ore con pochissime e brevi pause, pertanto gli accumuli di neve sono destinati a crescere inesorabilmente con tutti i disagi ad essi collegati.

Ricevi le notifiche delle notizie più importanti (meteo, terremoti e altro)


Articolo di Raffaele Laricchia


Ultime notizie Leggi tutte


Foggia : debole scossa di terremoto tra San Marco la Catola, Tufara, Celenza, Riccia, Lucera

Scossa di terremoto di subduzione al Sud, a largo della Calabria

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, Lunedì 29 Maggio

Qualche strappo di instabilità ma scenari atmosferici ancora governati dall’alta pressione
NEWS DELLA DOMENICA: l’anticiclone vacillante nella prima decade di giugno?

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti