Violente nevicate tra Marche e Abruzzo : colpite teramano, ascolano, teatino con oltre un metro di neve

Maltempo al centro Italia/ Prosegue l’ondata di maltempo sulle regioni centro-meridionali determinata da una profonda ciclogenesi tirrenica alimentata da una vasta massa d’aria fredda artica. Questa situazione persisterà quantomeno sino a giovedi senza grosse variazioni, risultando pertanto molto pericolosa soprattutto per le regioni centrali adriatiche dove già sono cadute al suolo ingenti quantità di neve.

La depressione è attualmente posizionata a largo della Calabria tirrenica e continua ad inviare impulsi perturbati verso la Puglia e le regioni del medio adriatico dove proseguono forti nevicate sino a basse quote. Tra Marche e Abruzzo la neve sta cadendo a tratti anche sulle coste con accumulo, specie tra ascolano, teramano e pescarese. A partire dai 200 metri di quota i quantitativi di neve diventano via via sempre maggiori : le più colpite sono le province di Chieti, Teramo e Ascoli dove si registrano accumuli compresi tra i 70 e i 100 cm. Oltre i 600 metri di quota la neve ha abbondantemente superato il metro di altezza.

Leggi le ultime previsioni o guarda i video meteo

Le nevicate proseguiranno ancora per oltre 60 ore con pochissime e brevi pause, pertanto gli accumuli di neve sono destinati a crescere inesorabilmente con tutti i disagi ad essi collegati.


Articolo di Raffaele Laricchia


Ultime notizie Leggi tutte


E’ la settimana del Black-Friday: grandi sconti in arrivo, ecco come muoversi meglio

Terremoto in Emilia Romagna di ieri: “scosse profonde”, ecco le parole dell’INGV

Previsioni meteo oggi: attesa una giornata stabile ma fredda

La dislocazione del VORTICE POLARE in questo 2017, quali sono le novità rispetto agli altri anni?
La STORICA ed ECCEZIONALE ondata di FREDDO del dicembre 2009 nel Triveneto: -18°C ad Udine, -12°C a Pordenone

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti