Previsioni meteo: nuovo ciclone depressionario nel week end, pericolo per le zone già colpite dal maltempo

Mentre il monitoraggio delle condizioni meteorologiche attuali descrive una situazione di grande emergenza al Centro Italia, dove Sardegna, Toscana, Marche e Abruzzo sono le regioni più colpite dal maltempo, le previsioni a medio termine mostrano una situazione altrettanto preoccupante.

L’irruzione di aria artica e con essa il forte maltempo si attenueranno nel corso di Venerdì, ma si tratterà soltanto di un effimera tregua, poichè una nuova ondata di maltempo si manifesterà su gran parte della penisola a partire da Sabato.

Nonostante la distanza temporale, possiamo considerare molto probabile il coinvolgimento delle stesse zone colpite dall’attuale ondata, grazie alla risalita di un vortice depressionario dal Nord-Africa verso il Centro-Sud. Si profila dunque una nuova fase di intenso maltempo sulle regioni centro-meridionali fra Sabato-Domenica e forse anche a inizio settimana, con piogge, temporali e grandinate. La quota neve sarà mediamente più alta: nevicherà soltanto in montagna ma lo farà in maniera abbondante sempre sugli Appennini centro-meridionali, già stracolmi di neve.

Un elemento questo che ci pone in pre-allerta per le aree interne collinari e adriatiche di Marche, Abruzzo, in primis, poichè la pioggia farà sciogliere la neve e renderà ancor più difficile il deflusso dei corsi d’acqua e ancor più delicate in molte zone le condizioni idro-geologiche. Il maltempo potrebbe colpire fortemente anche regioni come il Molise, la Puglia, la Basilicata e il basso versante tirrenico.

Seguiranno nuovi aggiornamenti nei prossimi giorni.

Ricevi le notifiche delle notizie più importanti (meteo, terremoti e altro)


Articolo di Francesco Ladisa


Ultime notizie Leggi tutte


Foggia : debole scossa di terremoto tra San Marco la Catola, Tufara, Celenza, Riccia, Lucera

Scossa di terremoto di subduzione al Sud, a largo della Calabria

Meteo Protezione Civile: il bollettino per domani, Lunedì 29 Maggio

Qualche strappo di instabilità ma scenari atmosferici ancora governati dall’alta pressione
NEWS DELLA DOMENICA: l’anticiclone vacillante nella prima decade di giugno?

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti