Formiche di Montecristo: spruzzi di acqua e fango, ecco i risultati delle indagini dell’INGV

Formiche di Montecristo – Solo alcuni giorni fa, la notizia di vigorosi getti di fango e aria nei pressi delle acque delle Formiche di Montecristo, fece il giro del Web.

A distanza di pochi giorni, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), ha pubblicati i risultati ottenuti dalle proprie indagini. Secondo il rapporto disponibile sul loro sito, si riporta che: “L’ispezione con mezzi sottomarini a controllo remoto, condotta dal personale INGV di Portovenere, non ha individuato anomalie termiche localizzate. Dai risultati si è quindi potuto escludere che il degassamento avesse origine vulcanica. L’insieme degli elementi permette di restringere il campo delle ipotesi, indicando che si tratta di un fenomeno di tipo “vulcano di fango” in cui grandi quantità di metano fuoriescono in maniera vigorosa. Al momento l’area è interessata solo da un degassamento diffuso di modesta entità. L’INGV continuerà le ricerche per determinare l’estensione dell’area interessata e meglio comprendere la genesi del fenomeno osservato.”

Di conseguenza, appare evidente, che l’ipotesi vulcanica è totalmente sbagliata, mentre viene confermato che l’attività segnalata, è da attribuire a fuoriuscite di metano dalle profondità.

Formiche di Montecristo: spruzzi di acqua e fango, ecco i risultati delle indagini dell’INGV


Articolo di Luca Mennella

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 21 Aprile 2018 (ultimi terremoti, orario)

Meteo : dominio dell’alta pressione, splende il Sole ovunque. Possibili temporali al sud?

Centro Italia : scossa di terremoto moderata alle 14.38 nelle Marche – dati INGV

MODELLO EUROPEO: l’anticiclone migra verso il Mediterraneo, scenari incerti verso la fine del mese
News del sabato: un cambiamento del tempo? Forse verso la fine di aprile

Link rapido alle PREVISIONI METEO delle principali città d’Italia:

TERREMOTI TEMPO REALE : ACCEDI ALLA NOSTRA NUOVA RETE DI MONITORAGGIO TERREMOTI! CLICCA QUI