ULTIM’ORA – Ciclone tropicale si rafforza nello Ionio : simile ad un uragano. Nubifragi in Salento

Numa continua a sferzare il Salento e la Calabria centrale. Ciclone sempre più simile ad un uragano. Eloquenti le immagini satellitari.

Il ciclone Numa si rafforza sempre più col passare dei minuti, soprattutto nelle ultime due ore dopo che l’occhio del ciclone si è leggermente allontanato dal Salento, verso il largo. Da stamattina abbiamo a che fare con un TLC in carne ed ossa, ovvero un Tropical Like Cyclone (ciclone simil tropicale) : si tratta di un vortice ciclonico con le sembianze e le caratteristiche fisiche identiche a quelle di un ciclone tropicale, come spesso se ne formano nel cuore dell’Atlantico.

Questo ciclone tropicale, nato come semplice saccatura artica, si è pian piano sviluppato e ha cambiato totalmente vestito sin tanto da raggiungere lo stadio di ciclone tropicale, auto-alimentandosi grazie all’energia del mar Ionio. Ora staziona a largo del Salento (si aggira in quell’area praticamente da quasi 24 ore), letteralmente immobilizzato dalle alte pressioni che lo circondano.

Negli ultimi minuti il ciclone si è ulteriormente evoluto : l’occhio appare nettamente più nitido e circondato dalle fasce nuvolose a spirale che danno all’intera struttura la classica forma del ciclone tropicale (già oggi pomeriggio si notavano). L’anello di convezione attorno all’occhio del ciclone è chiaramente visibile e ciò non fa altro che alimentare ancor di più il ciclone stesso a causa del calore latente liberato dalla crescita verticale delle nubi. Insomma è venuto a crearsi un sistema “perfetto” che si auto-alimenta senza sosta e questa situazione proseguirà almeno sino a domani mattina quando il ciclone farà “landfall” sulle coste greche.

TLC Numa (Tropical Like Cyclone), ovvero un ciclone tropicale nel mar Ionio. Evidente l’occhio del ciclone visto dal satellite e le fasce nuvolose a spirale che ruotano attorno all’occhio.

Dagli ultimi scatti satellitari è evidente l’ulteriore rafforzamento del TLC e non escludiamo che possa diventare un vero e proprio Medicane (uragano Mediterraneo, che sarebbe il corrispettivo dell’uragano atlantico, stadio successivo al ciclone tropicale). Tutto dipenderà dalla velocità media raggiunta dal vento, impossibile da registrare al momento. La presenza di un cuore caldo nell’occhio del ciclone (segno dell’auto-alimentazione della struttura) e la netta distinzione tra occhio del ciclone e le spirali vorticose (tutto delimitano da alti cumulonembi che costituiscono il “muro del ciclone”) lasciano presupporre ad un ulteriore abbassamento della pressione e quindi un infittimento del gradiente barico orizzontale tra occhio del ciclone e le zone periferiche. Ciò si tradurrà in una ulteriore intensificazione del vento : attorno all’occhio, in mare, non si escludono raffiche di vento superiori ai 130-140 km/h.

Gli effetti di questo ciclone tropicale si stanno manifestando in maniera abbastanza severa sul leccese, dove sono in atto diffusi nubifragi e venti a tratti impetuosi con raffiche oltre i 70 km/h. Le piogge risultano persistenti da questa mattina e localmente si registrano accumuli superiori ai 200 mm, specie nelle zone di Casarano e Scorrano. Registrati numerosi e ingenti allagamenti, sia in città che nelle campagne.
Colpita anche la Calabria centro-orientale, specie i settori del cosentino ionico e del crotonese, dove piove senza sosta da ieri.

Il ciclone continuerà a sferzare le medesime zone almeno sino a domani mattina, dove quindi continuerà a piovere in maniera abbondante e con venti forti.


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Maltempo: esonda fiume Nera in Umbria

Terremoto in tempo reale INGV : scosse di oggi 16 Dicembre 2017 (ultimi terremoti, orario)

Terremoto in Indonesia : oltre cento case distrutte. Morti e feriti a Giava

MALTEMPO: nuovo impulso instabile tra lunedi e martedì sulla Sardegna…e non solo
AGGIORNAMENTO previsioni meteo LIVE per OGGI, DOMANI e i prossimi giorni

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti