Meteo : quante nubi e nebbie con l’alta pressione! Da domani si cambia musica!

Alta pressione ormai “morente” sull’Italia. Tante nubi basse e nebbie al centro-nord. Da domani torna il maltempo!

Meteo/ L’ultimo dei giorni della Merla si sta rivelando anche l’ultimo di questa fase di alta pressione che chiuderà un gennaio da dimenticare soprattutto per la scarsa presenza di precipitazioni oltre che la mancanza di freddo degno di nota. L’inverno è letteralmente andato in letargo per circa un mese, soprattutto al centro-sud dove ormai la siccità la fa da padrona.

Eloquente lo scatto satellitare delle ore 12.00 che mostra la presenza di un compatto tappeto di nubi basse su gran parte del centro-nord Italia, segno evidente della presenza dell’anticiclone. Naturalmente sono nubi sterili ad eccezione della Liguria dove cade qualche goccia di pioggia a causa della maccaja.
Oltre alle nubi basse ci sono anche nebbie e foschie specie in pianura Padana e sui litorali dell’alto Adriatico.
Nubi basse che si addensano anche sul Tirreno meridionale e rende il clima costiero decisamente uggioso e autunnale. Gli unici sprazzi di Sole li troviamo sul medio-basso Adriatico, Sardegna meridionale, Sicilia centro-meridionale, Campania meridionale e Basilicata.

Questa situazione estremamente dannosa soprattutto per i nostri bacini idrici ormai all’asciutto terminerà già da domani : il mese di febbraio si aprirà col maltempo di stampo nord atlantico che riporterà un po’ di piogge e soprattutto darà il via ad una lunga fase perturbata che potrebbe anche culminare con la neve a bassa quota (su quest’ultimo aspetto ci vorranno conferme nei prossimi giorni).

Se non visualizzi il video meteo per domani, clicca qui >>>

Domani netto peggioramento del tempo grazie all’arrivo della perturbazione artica, proveniente dal nord Atlantico, sul centro-nord : piogge diffuse su Liguria, Lombardia, Triveneto, Toscana e Lazio. Locali piovaschi anche sulla Sardegna. Resisterà il bel tempo al sud ma solo per domani, dopodichè da venerdi il tempo è destinato a peggiorare anche sul Meridione. La neve tornerà sulle Alpi da domani oltre gli 800/900 metri di quota, sull’Appennino settentrionale oltre i 1200 metri.

Venerdi avremo un parziale miglioramento sul nord-ovest, mentre piogge e temporali continueranno ad interessare il nord-est e soprattutto le regioni centrali tirreniche (Toscana, Lazio e Campania) dove non mancheranno anche fenomeni di forte entità. Piogge attese anche su Sardegna, Calabria, entroterra abruzzese, marchigiano, molisano e localmente anche su Sicilia e Puglia. Neve sull’Appennino settentrionale e Alpi nord-orientali oltre i 700/800 metri, oltre i 2000 metri invece sull’Appennino centrale (in netto calo da sabato).

Il maltempo proseguirà anche nei giorni seguenti grazie all’ulteriore approfondimento della depressione nord Atlantica all’interno del Mediterraneo, a cui giungerà nuova energia dall’altra perturbazione atlantica che nei giorni scorsi ha portato maltempo e nevicate tra Isole Canarie e Marocco, destinata a ritornare nel Mediterraneo.


Articolo di Raffaele Laricchia

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK


Ultime notizie Leggi tutte


Previsioni meteo oggi: attesi temporali al Nord, possibili grandinate

Sicilia : scossa di terremoto a Milazzo nettamente avvertita fino a Messina – dati INGV

Scossa di terremoto fra Molise e Abruzzo: paura e gente in strada. DATI UFFICIALI INGV.

CONFERMATO importante cambiamento delle condizioni atmosferiche entro fine mese
PIOGGE al nord e su parte del centro tra domenica notte e lunedi (le mappe)

Link rapido alle PREVISIONI METEO delle principali città d’Italia: