Il cielo di Luglio 2013: stelle, costellazioni, pianeti, congiunzioni, meteoriti

Il cielo di Luglio 2013: stelle, costellazioni, pianeti, congiunzioni, meteoriti

Astronomia, il cielo di Luglio 2013: Perielio, Sciami Meteorici e Congiunzioni Astrali.

Il cielo di Luglio 2013: Il cielo di Luglio è dominato dalla Via Lattea, ben visibile ad occhio nudo in condizioni di buona visibilità in aree di campagna poco disturbate dall’inquinamento luminoso con la sua caratteristica striscia bianca di stelle che costituiscono l’alone galattico.

Per quel che concerne i Pianeti Mercurio sarà visibile ad Est poco prima dell’alba alla fine del mese; Venere continuerà a dominare il cielo serale subito dopo il tramonto. Marte e Giove così come Mercurio domineranno il cielo dell’alba, mentre Saturno sarà osservabile fino a metà nottata in direzione Sud-Ovest. Come per Giugno il cielo di Luglio si presenta tranquillo con nessun eclatante evento

Il 5 Luglio la Terra si troverà all’Afelio (massima distanza dalla nostra stella)

L’8 Luglio la Luna occulterà Mercurio ma il fenomeno sarà di difficile osservazione in quanto la Luna si troverà ad appena 5° dal Sole

Il 10 Luglio la Luna si troverà a 7,8°C a Sud di Venere. Il fenomeno sarà visibile in prima serata

Il 17 Luglio La Luna passerà accanto a Saturno; la visibilità migliore del fenomeno si verificherà intorno all’una

Il 22 Luglio congiunzione tra Regolo e Venere ad Ovest dopo il tramonto.

Il 30 Luglio si avrà il massimo dello sciame meteorico delle Delta Aquaridi Sud. Il ZHR sarà di 16 meteore all’ora; nello stesso giorno Mercurio raggiungerà la massima elongazione occidentale dalla nostra Stella

La Via Lattea protagonista delle notti estive

La Via Lattea protagonista delle notti estive

Durata del dì

Per quel che riguarda la durata del dì con Luglio, passato il solstizio d’Estate, l’insolazione diurna tende gradualmente a ridursi. Tale tendenza si accentua nella seconda metà del mese, via via che la stagione procede verso la maturità. Nonostante questa inversione di tendenza nella durata dell’arco diurno, con Luglio le temperature raggiungono il picco su tutta l’Italia. C’è infatti uno sfasamento che va dai 20 ai 40 giorni tra picco dell’insolazione e massimi termici annuali dovuto all’inerzia termica dell’atmosfera. Ciò spiega perchè il periodo dell’anno più caldo dell’anno cada in genere tra il 10-15 Luglio ed il 10-15 Agosto, quando comunque il Solstizio d’Estate è già trascorso.

Dal punto di vista meteorologico Luglio è il mese più stabile e caldo dell’anno per gran parte dell’Italia ed in particolare per Isole, Centro-Sud, coste, pianure e Tirreno. In questo mese le perturbazioni atlantiche lambiscono il Nord Italia, risultando più attive sulle Alpi le prealpi, il Triveneto ed i settori a Nord del Po. Solitamente in questo mese si verificano le maggiori precipitazioni sulle Alpi orientali, mentre Centro-Sud, Isole e Tirreno sperimentano i minimi annuali pluviometrici. In questo mese le alte pressioni di natura azzorriana e africana si alternano apportando fasi calde sostenute da afflussi caldi di masse d’aria subtropicali dall’entroterra africano

Per quel che riguarda la durate dell’insolazione, prendendo per riferimento Roma che ha una latitudine di quasi 42° (e che può quindi essere considerata come un punto geografico intermedio tra Nord e Sud Italia), si ha la seguente situazione (gli orari riportati seguono l’ora solare):

Il 1° Luglio il Sole sorge alle 4: 39 e tramonta alle alle 19:49

Il 31 Luglio il Sole sorge alle 6:03 e tramonta alle 19:30

Tenendo conto delle variazioni serali e mattutine degli orari di serata e tramonto si ha una riduzione netta della durata del dì complessiva di 43 minuti durante tutto Luglio

Per consultare quotidianamente le previsioni meteo per tutta italia e tutte le regioni potete navigare su InMeteo dovete troverete tutte le informazioni necessarie.

Puoi seguirci anche su Facebook.

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti