Newsletter Facebook Fanpage Twitter InMeteo Google Plus InMeteo Pinterest Canale Youtube FEED RSS INMETEO


Meteo Estate 2016: tendenza e previsione stagionale

Meteo  Estate 2016

Meteo  Estate 2016: Previsioni e tendenze mensili elaborate dai migliori centri di ricerca del mondo, a cura di InMeteo.

L’Estate  rappresenta  la stagione calda delle zone a clima temperato come la nostra. Dal punto di vista meteorologico essa inizia il 1 Giugno e termina il  1 Settembre, mentre dal punto di vista astronomico essa incomincia il 21 Giugno con il solstizio d’estate  e termina il 22 Settembre con l’equinozio d’Autunno. Rappresentando la stagione calda, il trimestre estivo è caratterizzato mediamente da tempo stabile, soleggiato e caldo.  Tuttavia la stagione può risultare particolarmente calda con forti ondate di calore di origine  Africana (come nel 2003) oppure più gradevole e temperata con anticicloni di stampo Azzorriano. Come sarà quest’anno?

Meteo Estate 2016: analisi dati  e tendenza stagionale

Ad oggi possiamo parlare solo di una vaga tendenza per l‘Estate 2016,  quello che faremo sarà di cercare di farsi un idea in base ai vari predittori e indici teleconnettivi  esistenti e  in base a questi cercare di individuare l’andamento medio per  il proseguimento stagionale dell’Estate 2016. In particolare, con l’avanzamento della stagione primaverile sarà possibile analizzare suddetti predittori, i quali, ci permetteranno di effettuare una previsione di tendenza per dell’Estate 2016. Nello specifico osserveremo:

  1. La pluviometria della Primavera 2016: in quanto se questa risulterà piovosa, si ha che molto calore verrà speso ad asciugare i terreni ancora intrisi d’acqua e far sciogliere gli abbondanti accumuli nevosi in quota piuttosto che riscaldare l’atmosfera.
  2. Le Anomalie positive di temperatura delle acque superficiali dell’Atlantico tropicale: più in particolare si parla delle acque antistanti il golfo di Guinea. Senza entrare troppo nei particolari, quando queste risultano più calde della media si ha una minore ingerenza dell’anticiclone subtropicale Africano e viceversa.
  3. L’influenza del fenomeno del Nino: Gli eventi di Nino tendono a far risultare le nostre estati più calde della norma. Tuttavia questo fenomeno agisce con un lag temporale di circa 3/4 mesi. Di conseguenza la fase di Nino appena nascente non riuscirà ad influenzare particolarmente l’Estate Italiana ma solamente la sua parte finale, ovvero il mese di Agosto.
  4. Eventuali Final Warming stratosferici: Non succede spesso, ma a volte tardivi e imponenti riscaldamenti stratosferici primaverili possono influenzare l’inizio della stagione estiva. Un esempio di condizionamento della stagione estiva a causa du un Final Warming vi è stato proprio per l’Estate 2014 la quale ha fatto registrare nelle mensilità di Giugno e Luglio temperature sotto media e precipitazioni sopra media.
  5.  L’AMO: ovvero l’oscillazione multidecadale Atlantica.

Meteo Estate 2015: conclusioni

Attualmente è ancora presto per considerare tutti questi fattori, una prima linea di tendenza verra ufficialmente pubblicata su questa pagina il 1 Maggio 2016.

Ricordiamo ai lettori che l’analisi appena letta è in gran parte ancora incompleta e rappresenta una possibile tendenza a lunghissimo termine che non va considerate come una previsione.