Newsletter Facebook Fanpage Twitter InMeteo Google Plus InMeteo Pinterest Canale Youtube FEED RSS INMETEO

Meteo Febbraio 2014, le tendenze dei principali centri di ricerca


Previsioni Meteo Febbraio 2014: Previsioni e tendenze mensili elaborate dai migliori centri di ricerca del mondo, a cura di InMeteo.

 Previsioni Meteo Febbraio 2014, le tendenze dei principali centri di ricerca.

Febbraio rappresenta l’ultimo mese dell’inverno meteorologico. Tuttavia è proprio durante questo mese che spesso si manifestano gli eventi che caratterizzano l’inverno, esprimendo tutte le  sue potenzialità con nevicate fino al piano soprattutto al Nord e al centro. Sarà anche quest’anno così?

Meteo Febbraio 2014: analisi delle anomalie

Meteo Febbraio 2014: analisi delle anomalie modello CFS

Meteo Febbraio 2014: analisi delle anomalie modello CFS

Vi mostriamo una mappa elaborata dal modello Americano CFS, il quale fornisce più elaborazioni al giorno e ha un approccio che unisce statistica e climatologia. Quindi anche se sappiamo che la mappa sarà rielaborata  più volte ve  la mostriamo in quanto crediamo che rappresenti bene le condizioni medie che ipotizziamo per  il mese di Febbraio. Dalla osservazione della medesima si notano delle anomalie negative in Atlantico. Mentre ritroviamo anomalie negative sulla Norvegia e sull’Europa dell’Est. Inoltre si nota una leggera anomalia positiva estendersi estende dal basso Atlantico verso il continente Europeo e l’Inghilterra. Ad oggi riteniamo che le anomalie medie corrispondano a grandi linee al pattern circolatorio che si verrà a creare.

Meteo Febbraio 2014, conclusioni: 

Secondo quanto appena analizzato riteniamo che il pattern circolatorio a livello Europeo potrà essere caratterizzato da incursioni di stampo continentale con asse scandinavo. Tuttavia l’anomalia negativa sull’Atlantico fa pensare a intrusioni di aria più mite di origine Atlantica ed un vortice Islandese spesso forte ed invadente.

Meteo Febbraio 2014. Aggiornamento del 29/01/14

Il warming stratosferico di cui vi abbiamo parlato si può dare ormai per certo, e non solo, dai nuovi aggiornamenti questo già dalle 144 h inizia ad intensificarsi e convergere verso il polo provocando uno split  del vortice polare stratosferico in due lobi. Tuttavia se sarà un evento Major o no è ancora presto per dirlo, la dinamica di partenza  è ormai consolidata vediamo se anche la successiva dinamica di split andrà in porto. Che sia la svolta di questo insolito e mite inverno? Lo sapremo presto con i prossimi aggiornamenti.

Riscaldamento stratosferico a 10 hpa by GFS

Riscaldamento stratosferico a 10 hpa by GFS

Meteo Febbraio 2014. Aggiornamento del 11/02/14

Effettueremo uno degli ultimi aggiornamenti per il mese di Febbraio, dopo di questo ne incominceremo direttamente a parlare negli editoriali della testata giornalistica. Il riscaldamento stratosferico di cui vi abbiamo abbondantemente parlato potrà essere classificato come un forte Minor Warming, tuttavia sono mancati pochi elementi fondamentali per parlare di un evento Major. Questo evento ha però contribuito ad un calo delle correnti zonali che permetterà alla troposfera di essere più protagonista durante la fine della seconda decade e per tutta la terza del mese. Ora secondo le ultime tendenze le strade che riteniamo più provabili sono principalmente due:

  1. Si verrà a instaurare una condizione molto simile a quella avuta nella fine di Gennaio.  Ovvero una situazione caratterizzate da un vortice canadese/d’Islanda molto forte ed invadete che non permette all’anticiclone delle Azzorre di creare uno stabile blocco delle correnti zonali. Come risultato abbiamo il tempo viene caratterizzato da una serie di perturbazioni Nord Atlantiche o polari in entrata sul bacino del Mediterraneo con  il freddo continentale  bloccato nell’Europa dell’Est. 
  2. L’anticiclone delle Azzorre potrebbe seppure in maniera molto instabile elevarsi e generare una azione di blocco. In questa situazione data la disposizione delle masse principali del vortice polare la possibilità di avere azioni artico continentali o continentali aumenta notevolmente.

Al fine di quanto appena detto vi mostriamo una determinazione modellistica su base ENS del Modello GFS.

Meteo Febbraio 2014 - ENS di GFS

Meteo Febbraio 2014 – ENS di GFS

Meteo Febbraio 2014. Aggiornamento del 18/02/14

Ad oggi il quadro appare ormai ben definito e riteniamo che l’ipotesi numero 2 possa essere scartata definitivamente. Infatti a prevalere è stata l’ipotesi numero 1, di conseguenza da qui a fine mese i deboli tentativi dell’anticiclone delle Azzorre di elevarsi lungo i meridiani saranno “bloccati” da una forte invadenza del vortice Canadese, il quale genererà una serie di perturbazioni Nord Atlantiche e polari che andranno ad interessare principalmente le regioni del Nord e Tirreniche.

Ai fini di un’informazione più chiara possibile vi elenchiamo sotto le proiezioni mensili dei principali centri di calcolo Mondiali ed Europei. Per consultare le proiezioni singolarmente è sufficiente cliccare sul nome del centro di ricerca scelto e si aprirà una finestra con la pagina web di Origine.

Meteo Febbraio 2014 – TENDENZA PREVISIONI PER L’INVERNO CLICCA QUI

MODELLO TEMPERATURE PRECIPITAZIONI
IBIMET  sotto media  sotto media
CFS/NCEP    in media  sopra media
GSFC/NASA    in media  in media
LAMMA   sotto media  sotto media
NCAR   sotto media  sotto media

Tuttavia ricordiamo ai lettori che questo appena letto rappresenta tendenze a lunghissimo termine e non vanno considerate come previsioni.