Newsletter Facebook Fanpage Twitter InMeteo Google Plus InMeteo Pinterest Canale Youtube FEED RSS INMETEO

Meteo Inverno 2014 – 2015 tendenza e previsione stagionale


Il 21 Dicembre data che segna  il Solstizio d’Inverno,  ovvero il giorno in cui il sole  raggiunge il punto più basso all’orizzonte, rappresenta l’inizio della stagione invernale dal punto di vista astronomico, poi il sole inizia a risalire, fino al 20 Marzo, giorno dell’equinozio di primavera. Tuttavia metorologicamente la stagione invernale comincia il 1 Dicembre e si conclude il 1 Marzo. Durante questo periodo il vortice polare raggiunge la sua massima forza, la copertura nevosa dell’emisfero Nord o snow cover raggiunge la massima estensione e le temperature medie si abbassano notevolmente.

Meteo Inverno 2014-2015: come sarà la stagione invernale? 

Senza dilungarci in troppe spiegazioni non comprensibili ai non addetti, vi indicheremo solamente i parametri presi in considerazione e la distribuzione delle anomalie medie che ci aspettiamo per  il trimestre invernale 2014/15.  I parametri presi in considerazione sono:

  1. Tripolo Atlantico: in fase negativa
  2. QBO: in fase negativa ad entrambe le quote
  3. Solar Flux: su valori bassi considerando che siamo nella fase finale del massimo
  4. ENSO: Positivo
  5. OPI: Attualmente negativo, il valore finale si avrà a fine Ottobre –> AO valori negativi
  6. SAI: Avanzamento stagionale al di sotto dei 60°N, attualmente andamento buono –> implica AO su valori negativi
  7. NAO:  molto probabilmente positiva

In base ai parametri analizzati ci aspettiamo i trimestre invernale con temperature in media tendente al sotto media e precipitazioni in Media. Ovviamente poi in base alle zone d’Italia che si andranno a prendere in considerazione potremmo avere anomalie più o meno marcate. Ad oggi, Lunedì 20 Ottobre 2014, in base alle dinamiche tropo-stratosferiche ci aspettiamo un trimestre caratterizzato in questo modo:

  • DICEMBRE: Anomalie termiche positive e pluviometriche negative. Tempo più mite e stabile rispetto le medie trentennali.
  • GENNAIO: Cambio circolatorio, possibile MMW, forti ondate fredde.
  • FEBBRAIO: Clima principalmente freddo, spiccata variabilità, ondate di freddo alternate a periodi prettamente stabili.

Data la grande distanza temporale quella appena stilata è una linea di tendenza da prendere con le pinze e che subirà ulteriori modifiche con l’avvicinarsi della stagione fredda.