Newsletter Facebook Fanpage Twitter InMeteo Google Plus InMeteo Pinterest Canale Youtube FEED RSS INMETEO


Meteo Inverno 2015 – 2016 tendenza e previsione stagionale

Meteo Inverno 2015-16 / Il 21 Dicembre data che segna  il Solstizio d’Inverno è il giorno in cui il sole raggiunge il punto più basso sull’orizzonte, esso rappresenta l’inizio della stagione invernale dal punto di vista astronomico, poi il sole inizia a risalire, fino al 20 Marzo, giorno dell’Equinozio di Primavera. Tuttavia meteorologicamente la stagione invernale comincia il 1 Dicembre e si conclude il 1 Marzo. Durante questo periodo il vortice polare raggiunge la sua massima forza, la copertura nevosa dell’emisfero Nord o snow cover raggiunge la massima estensione e le temperature medie dell’emisfero Nord si abbassano notevolmente.

Meteo Inverno 2015-2016: come sarà la stagione fredda? 

Senza dilungarci in troppe spiegazioni non comprensibili ai non addetti, vi indicheremo solamente i parametri presi in considerazione e la distribuzione delle anomalie medie che ci aspettiamo per  il meteo Inverno 2015/16.  I parametri presi in considerazione sono:

  1. STA: disposizione delle anomalie dell’Atlantico insolita, forte raffreddamento del Nord Atlantico definito come “blob Atlantico”.
  2. NAO: riteniamo possa essere positiva a Dicembre, neutro o leggermente negativa tra Gennaio e Febbraio.
  3. QBO: oscillazione quasi periodica della direzione dei venti zonali stratosferici sub equatoriali, attualmente positiva;
  4. Solar Flux: flusso solare su valori bassi;
  5. ENSO: Positivo;
  6. SAI: Avanzamento stagionale al di sotto dei 60°N. Indica per quest’anno la possibilità di AO negativa.
  7. PDO: Pacific Decadal Oscillation, positiva. Non favorisce particolari elevazioni dell’anticiclone Aleutinico.
  8. ANDAMENTO DI NOVEMBRE: nel complesso stabile e anticiclonico sull’Europa, freddo su Russia.

ANALISI E CONCLUSIONI meteo Inverno 2015/16: Considerando l’influenza dei vari fattori indicati e in particolar modo se la corrente a getto in uscita dagli States risulterà mediamente influenzata dalla fase di Nino come da letteratura, se il Blob Atlantico continuerà ad inflenzare le cadute del getto in pieno atlantico come nel corso di Novembre, la QBO sfavorevole e la PDO non favorevole ad azioni particolarmente forti dell’anticiclone aleutinico ci si potrebbe attendere un inverno particolarmente mite e stazionario. In realtà noi di InMeteo non crediamo ad un Inverno 2015 anonimo e mite e cercheremo di spiegarvi perchè. La situazione attuale non vede un grande cambiamento a livello di teleconnessioni rispetto al mese di Ottobre 2015, eppure le due mensilità dell’anno corrente risultano climaticamente molto differenti. Ottobre fresco e perturbato mentre Novembre caldo e stabile. Di conseguenza ci chiediamo quale sia la forzante che ha permesso tali differenze, noi dello staff crediamo che molto grossolanamente il tutto possa essere ricondotto alla forza del Vortice Polare, questo in Ottobre essendo disturbato da diversi forcing risultava debole e decentrato, mentre in Novembre con il progredire della stagione invernale ha accquisito sempre più forza non permettendo più intensi scambi meridiani. Infine per quanto riguarda il famoso “blob Atlantico” crediamo che con l’avanzare della stagione invernale tale anomalia potrà influente.

Concludendo; crediamo in una mensilità di Dicembre sulla falsa riga di quella di Novembre con perturbazioni che andranno ad interessare principalmente il Nord e le Alpi. Occasionalmente anche discese artiche in veloce transito verso Sud.  Tuttavia tale andamento, permetterà continui affondi sulla Russia e l’Est Europa, raffreddandola notevolmente.

Meteo Inverno: possibile disposizione dei centri pressori negli episodi di maggiore dinamicità

Questo permetterà la formazione di un intenso anticiclone termico che con il passare dei giorni andrà a minare la stabilità del Vortice Polare e successivamente un rallentamento della tensione zonale durante la mensilità di Gennaio. Questo permetterà l’intrusione di frequenti incursioni di aria fredda (soprattutto da metà mese) che daranno vita a maggiore instabilità sulle regioni Centro Meridionali. Febbraio estremizzazione del pattern di Gennaio con anomalie termiche negative più marcate in Europa Centrale e possibilità di freddo e neve anche al Nord. Nell’immagine sotto riportiamo un’ipotetica disposizione media che i centri di alta e bassa pressione potranno assumere nel corso delle fasi più dinaniche. Non si escludono estremizzazioni con SCAND+ e retrogressioni fredde, soprattutto in Febbraio.

Prossimo aggiornamento del meteo Inverno previsto per fine Novembre. Non perdetelo!

Puoi consultare la tendenza invernale per le singole mensilità: vai al meteo Dicembre 2015, Gennaio 2016, Febbraio 2016.