Newsletter Facebook Fanpage Twitter InMeteo Google Plus InMeteo Pinterest Canale Youtube FEED RSS INMETEO

Pressione/ Situazione Europa


La pressione e le cartine bariche. La Terra è circondata da un involucro gassoso, l’atmosfera, la cui altezza non è ben definita. L’atmosfera ha un certo peso, quindi esercita su tutti i corpi che vi sono immersi una certa pressione, che si trasmette in tutte le direzioni ed è per questo motivo che sfugge alla sensazione umana. La pressione atmosferica, come si sa, gioca un ruolo chiave nella dinamica delle masse d’aria ed è quindi di fondamentale importanza misurarla per conoscere il tempo meteorologico in atto e quello che farà.

La pressione atmosferica normale o standard è quella misurata alla latitudine di 45°, al livello del mare e ad una temperatura di 0 °C, che corrisponde ad una colonna di mercurio di 760 mm. Nelle altre unità di misura corrisponde a:

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101 325 Pa = 1 013,25 mbar
In Meteorologia la pressione si misura in ettoPascal (Hpa). Dal momento che il millibar equivale all’ettopascal, 1013,25 mbar = 101325 Pa = 1013,25 hPa
Nella mappa sottostante possiamo osservare la situazione barica a livello europeo, Italia compresa, in tempo reale. Le ” H “ stanno ad indicare l’alta pressione (High pressure) mentre le ” L “ stanno ad indicare la bassa pressione (Low pressure) sotto il simbolo è indicata la pressione in EttoPascal. Le linee nere rappresentano le isobare, ovvero linee ideali che uniscono i punti con uguale pressione atmosferica. Le mappe bariche sono molto utili per seguire il percorso dei centri di bassa pressione, indicati dalle “L”, ovvero i centri di formazione dei sistemi perturbati e del maltempo.
Per visualizzare gli aggiornamenti delle mappe è necessario ricaricare la pagina web.

Nella seconda mappa è possibile osservare altri elementi come i fronti ( fronte caldo e fronte freddo) e i nomi dei cicloni ( in rosso) e degli anticicloni (in blu)su scala europea assegnati dall’istituto Meteorologico di Berlino.
Fronte Caldo : Si ha un fronte caldo (nella mappa indicato con i semicerchi posti lungo la “linea” del fronte) lungo la superficie che separa una massa d’aria più calda (e spesso anche più umida) da una più fredda (generalmente meno umida) sopra la quale scorre. Difatti l’aria calda è meno densa, e quindi sale sopra quella più fredda che incontra lungo la strada; in tal modo si raffredda e causa formazione di nuvole estese, generalmente di tipo stratificato.
Fronte freddo : Si ha un fronte freddo (nella mappa indicato con i triangoli posti lungo la “linea” del fronte) quando una massa d’aria fredda (quindi meno umida ma più densa) si avvicina ad una massa più calda e più umida pertanto più leggera. In questo caso l’aria fredda si incunea sotto quella calda, facendola salire (instabilità atmosferica e quindi temporali).Fronte stazionario: Si ha un fronte stazionario (indicato nella mappa da un’unica linea che mostra su un lato semicerchi e sull’altro i triangoli)  quando di due masse d’aria a contatto nessuna delle due riesce a sostituire l’altra. Si ha pertanto una situazione di stallo con eventuali fenomeni precipitativi che possono durare anche molti giorni.
Fronte occluso : Si ha un fronte occluso quando un fronte freddo (quindi più veloce) raggiunge un fronte caldo. Una situazione tipica dei cicloni. In questo caso possono generarsi forti precipitazioni.

SITUAZIONE METEO IN EUROPA, IN TEMPO REALE

http://users.ntua.gr/jorgalan/Europe.png

TEMPERATURE IN EUROPA, IN TEMPO REALE