Indici teleconnettivi – Teleconnection index

Le teleconnessioni. Gli indici teleconnettivi sono delle “oscillazioni” periodiche che regolano e aiutano a comprendere le dinamiche della circolazione generale dell’atmosfera durante le quattro stagioni. Essi sono molto importanti per l’elaborazione di una tendenza a lungo termine, anche oltre i 30 giorni. Fra questi troviamo indici come : NAO, AO, PNA e QBO.

Indice NAO : Sigla di North Atlantic Oscillation è uno degli indici più importanti riguardanti la nostra Penisola dato che ne caratterizza fortemente il clima. La NAO è un pattern di circolazione atmosferica localizzato nell’Oceano Atlantico settentrionale e caratterizzato dalla fluttuazione ciclica (oscillazione) della differenza di pressione al livello del mare tra l’Islanda e le Azzorre. quindi è molto utile per comprendere la disposizione delle principali figure baricche,ovvero l’Altapressione delle Azzorre e le depressioni nord-atlantiche e la depressione islandese.
NAO neutro/debolmente negativo = Poca incisività dell’Anticiclone delle Azzorre e perturbazioni che coinvolgono l’Europa meridionale, Italia compresa.
NAO positiva/fortemente positiva = L’anticiclone delle azzorre si estende verso il Mediterraneo e dunque abbiamo regime anticiclonico sull’Europa meridionale con basse pressioni relegate all’Europa centro-settentrionale.

INDICE NAO - NAO INDEX

INDICE NAO – NAO INDEX

GRAFICO NAO DEGLI ULTIMI MESI:

NAO ULTIMI GIORNI

NAO ULTIMI GIORNI

Indice AO (Artic Oscillation) : è un indice che permette di osservare la forza del Vortice Polare, che regola l’andamento meteorologico durante la stagione invernale nell’emisfero boreale.
AO positivo/fortemente positivo = Vortice Polare molto forte e relegato alle alte latitudini. Di conseguenza maggiori possibilità di periodi anticiclonici sul Mediterraneo.
AO negativa = Vortice Polare destabilizzato e maggior possibilità di incursioni artiche e gelide verso il Mediterraneo.

AO INDEX - INDICE AO

AO INDEX – INDICE AO

INDICE AO – MONITORAGGIO ULTIMI MESI

AO ULTIMI GIORNI

AO ULTIMI GIORNI

PNA (Pacific/North American) : é un indice volto a stabilire la configurazione barica sul Nord America. Tuttavia ha ripercussioni anche sulle figure bariche che vano ad instaurarsi nell’Oceano Atlantico e di conseguenza anche sul Mediterraneo.
PNA positivo = Intense depressioni in corrispondenza delle Isole Aleutine che produce forti risalite sub-tropicali lungo l’America centro-occidentale e discese artiche sull’America orientale.
PNA negativo = flusso di basse pressioni relegato all’America centro-occidentale e risalite sub-tropicali (anticicloniche) sull’America orientale.
Questo indice se analizzato in relazione con la NAO può influenza il clima del Vecchio continente:
PNA positivo e NAO negativo = Blocchi anticiclonici in pieno Atlantico (Blocking) e conseguenti discese fredde/instabili verso il Mediterraneo.
PNA positivo e NAO positivo = Nasce la classica configurazione denominata “Bartlett High” che vede l’alta pressione azzorriana distesa lungo i paralleli (coricata verso il Mediterraneo) e la depressione islandese molto attiva e soprattutto protesa verso la Gran Bretagna. Dunque condizioni di forte instabilità sull’Europa centro-settentrionale mentre il Mediterraneo è caratterizzato da regime anticiclonico.

PNA INDEX - INDICE PNA

PNA INDEX – INDICE PNA

QBO (Quasi Biennal Oscillation) : Rappresenta l’oscillazione dei venti della Stratosfera a livello equatoriale che soffiano in modo zonali, ovvero lungo i paralleli. Questi venti invertono la loro direzione ogni circa 2 anni ( il periodo può variare dai 24 ai 30 mesi) e possono quindi soffiare verso est o vesro ovest.
QBO negativa = i venti stratosferici soffiano dai quadranti orientali
QBO positiva = i venti stratosferici soffiano dai quadranti occidentali
Quando la QBO è in fase negativa si riscontrano cambiamenti, in troposfera, tra equatore ed emisfero boreale, favorendo maggiori scambi meridiani e anche la possibile formazione di uno StratWarming durante la stagione Invernale ( in questo caso entra in gioco l’intensità del ciclo solare che deve trovarsi in fase di minimo). Quando la QBO è positiva si riscontrano cambiamenti della circolazione troposferica tra il Pacifico e il Nord America. In concomitanza con i periodi caratterizzati da QBO positiva è probabile assistere ad un aumento dei cicloni tropicali in Atlantico. Inoltre può anche influenzare l’intensità dei Monsoni.

QBO index

QBO index

 

La zona di convergenza intertropicale (ZCIT), anche nota con l’acronimo inglese ITCZ (InterTropical Convergence Zone), è un’area situata in prossimità dell’equatore, dove si ha la convergenza degli alisei e la risalita di masse d’aria calda che determinano l’area di instabilità equatoriale, con frequenti piogge e temporali. La sua presenza è associata a piogge abbondanti, e i suoi spostamenti determinano l’alternarsi delle stagioni piovose nelle regioni della Terra a clima tropicale, inoltre i suoi spostamenti facilitano il protendersi verso Nord Cnel nostro Emisfero) delle alte pressioni subtropicali  determinando così un forte influsso anche sul tempo atmosferico delle regioni di media latitudine.

L’indice AMO (Atlantic Multidecadal Oscillation) misura la temperatura superficiali delle acque nella zona dell’Atlantico che va dall’Equatore alla Groenlandia.  AMO in fasi positiva  vede un Atlantico caldo, in fase negativa un Atlantico freddo.

Il SOI (Southern Oscillation  Index ) viene ricavato a partire dal segnale di raffreddamento/riscaldamento che  l’alternarsi di El Niño e della Niña  lasciano un evidente segno nei valori della ‘sea level pressure’. Proprio calcolando il valore della differenza di pressione tra Tahiti e Darwin si ottiene l’indice SOI, direttamente associabile ai due fenomeni NINO e NINA. Questo indice ha un influenza diretta sulla formazione dei ghiacci Antartici, ma possiede anche una certa influenza sulle “terre” dell’Emisfero Nord. In particolar modo a una fase negativa  di questo indice ci si può attendere un flusso Atlantico più attivo associato ad  un pattern NAO-.

COMMENTS


Servizi Meteo per Siti - Staff - Cookie-policy - Contatti