Home > Salute, scienze e tecnologie > Il 12 Febbraio “nascere sarà dura”: scioperano ginecologi ed ostetriche

Il 12 Febbraio “nascere sarà dura”: scioperano ginecologi ed ostetriche

by Francesco Ladisa
17 Gennaio 2013 - 18:52

Il 12 Febbraio “nascere sarà dura”: è in programma lo sciopero nazionale di ginecologi ed ostetriche. Niente parti programmati salvo urgenze.

Il 12 Febbraio “nascere sarà dura” /Martedì 12 Febbraio sarà con tutta probabilità una giornata difficile per i parti in Italia. E’ stato infatti indetto uno sciopero di ginecologi ed osetriche, e per tanto non si faranno cesarei o induzioni, a meno di casi urgenti. Si stima così che delle circa 1.500 nascite media giornaliere 1.100 saranno rinviate oppure anticipate (si tratta di dati comunque approssimativi). Sciopererà anche il personale dei consultori e degli ambulatori, ove si fanno generalmente esami ed ecografie.

Il 12 Febbraio "nascere sarà dura"

Il 12 Febbraio “nascere sarà dura”

La protesta è stata annunciata dalle associazioni scientifiche e dal sindacato che rappresentano circa 15.000 tra ginecologi e ostetriche. Alla base delle sciopero ci sarebbero due cause principali, ovvero i tagli operati sul sistema sanitario in seguito al noto “spending review”, e il problema delle polizze assicurative, sempre più alte proprio per i ginecologi, in particolare quelle riservate a chi lavora nel sistema privato. Intanto Renato Balduzzi, ministro della Salute in carica, ha convocato per Venerdì 18 gennaio nella sede del ministero in Lungotevere Ripa, i rappresentanti di tutte le sigle dei ginecologi e ostetriche per trovare probabilmente un compromesso evitando questo sciopero che avrebbe effetti sicuramente pesanti.

A cura di Francesco Ladisa