Home > Salute, scienze e tecnologie > L’Italia del web fa progressi: internet sempre piu’ veloce, ecco i dati

L’Italia del web fa progressi: internet sempre piu’ veloce, ecco i dati

17 Ottobre 2013, ore 16:04
L'Italia del web fa progressi

Internet sempre piu’ veloce in Italia: aumenta uso di banda larga, ma siamo ancora lontani dagli altri paesi. 

Internet piu’ veloce in Italia – Migliorano in media le comunicazioni internet in Italia. Il nostro paese era negli ultimi tempi decisamente indietro rispetto a molti paesi europei anche “meno importanti”. Al momento la situazione pare leggermente mutata. Akamai Technologies, azienda di servizi cloud per l’erogazione di contenuti online ha pubblicato un report aggiornato di carattere statistico. Da questo emerge che la velocità media di connessioneInternet per quanto concerne l’italia, è cresciuta e si attesta ora sui 4.9 Mbps. Ben l’11% in piu’ rispetto alla velocità dell’ultimo trimestre (+23% addirittura rispetto all’anno scorso).

Il progresso della tecnologia e di internet sono naturalmente elementi preziosi che possono contribuire alla rapidità delle comunicazioni e al viaggio di materiale informativo, per citare solo alcuni aspetti significativi. Inoltre, il picco medio della velocità di connessione internet raggiunto è pari a 23.3 Mbps (maggiore del 5.6% in relazione al trimestre precedente e del 34% rispetto allo scorso anno.

L'Italia del web fa progressi

L’Italia del web fa progressi: internet sempre piu’ veloce, ecco i dati diffusi da Akamai

Si tratta ancora del picco più basso in Europa, ma i numeri lasciano intravedere un recupero in atto. “In generale – affermano da Akamai –  l’alto tasso di crescita del picco medio della velocità di connessione è indice di un progressivo miglioramento della qualità delle connessioni internet e della disponibilità di servizi ad alta velocità in Europa”.

Buone notizie per quanto concerne la banda larga: l’adozione di tale tecnologia è aumentata dell’88% rispetto allo scorso anno, dunque in maniera esponenziale. Per approfondire con altri dati, clicca qui.